il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Referendum

Referendum

(23 Maggio 2011) Enzo Apicella
Il 12 e 13 giugno vota si

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Referendum: un governo terrorizzato dal giudizio popolare

(27 Maggio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

Referendum: un governo terrorizzato dal giudizio popolare

foto: www.radiocittaperta.it

26-05-2011/19:18 --- Il Governo, seguendo la sua strategia e quella degli interessi che rappresenta, si affretta a dichiarare chiuso il referendum sul nucleare, appoggiato, come era prevedibile, dai suoi mezzi di informazione. Si dimenticano, guarda caso, che la parola sul mantenimento o meno dei quesiti referendari spetta alla Corte di Cassazione, e che fino al suo pronunciamento il referendum è tutto in piedi.
Le norme in questo senso parlano chiaro, per annullare un referendum la nuova legge deve soddisfare a pieno gli obiettivi dei proponenti, ed è evidente che non è questo il caso.
Infatti nel Decreto Omnibus si dice chiaramente che la costruzione di nuove centrali è sospesa “al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche”, mentre il quesito referendario vuole abrogare la norma per la “realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare” e non a sospenderla. Se questo non bastasse, sono palesi le intenzioni dei filo nuclearisti e del loro Governo, che non si sono risparmiati nei giorni scorsi dichiarazioni chiare sulle loro intenzioni: non far svolgere il referendum, per non incassare una sonora ed inevitabile sconfitta che chiuderebbe definitivamente la questione in Italia, e riproporre lo sviluppo dell’energia nucleare quando l’attenzione pubblica su questo tema sarà meno forte.
Se pur la Corte di Cassazione dovrà esprimersi in senso tecnico, e non gli mancherebbero tutti gli elementi per non annullare la consultazione popolare, non potrà comunque non tenere in considerazione anche le intenzioni furbesche dei nuclearisti.

In attesa del giudizio della Corte, che sarebbe clamoroso se si esprimesse per la soppressione del referendum, lo sforzo dovrà essere quello di ostacolare in ogni modo il tentativo di far passare l’idea che il referendum non si terrà o comunque quello di creare una situazione attendista che ne farebbe scemare l’attenzione.

Il terrore del giudizio popolare è evidente, sono terrorizzati da una probabilissima sconfitta, e la manovra di eliminare il referendum sul nucleare ha lo scopo altresì di depotenziare gli altri (acqua pubblica e legittimo impedimento). Perdere i referendum significherebbe per loro anche accelerare l’inizio della disgregazione del blocco sociale berlusconiano, già resa evidente con le elezioni amministrative.

Ma il loro piano va anche oltre: sottrarre la possibilità dell’espressione popolare attraverso un esercizio di democrazia diretta e partecipativa, annullando non soltanto l’importanza dello strumento referendario stesso, ma il concetto che possano essere i cittadini a poter avere direttamente voce sulle questioni che li riguardano.

In questo senso le popolazioni stanno parlando chiaro, il movimento NO TAV, quello contro le discariche dei territori vesuviani, come quello sulla gestione antipopolare dell’acqua dove già si è introdotta la sua privatizzazione, sugli inquinamenti elettromagnetici, solo per citarne alcuni, vogliono ribadire che contro la distruzione dei propri territori e la precarizzazione della vita, debbano essere loro a poter decidere tra gli interessi collettivi e quelli privati delle lobby economiche e finanziarie.

Sarà questa la sfida che avremo di fronte nei prossimi anni, in una visione unificante del conflitto contro le devastazioni ambientali e quelle sociali.

Domenico Vasapollo - (Rete dei Comunisti)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Referendum 12 e 13 giugno 2011»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

4814