il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Il teatro di Marcello

Il teatro di Marcello

(25 Giugno 2010) Enzo Apicella
La nazionale di calcio di Marcello Lippi viene sconfitta dalla squadra della Slovacchia e esce dai mondiali

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Giovedì 16 - Presentazione: L'occupazione italiana dei Balcani. Crimini di guerra e mito della "brava gente"

(15 Giugno 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.caunapoli.org

Giovedì 16 - Presentazione: L'occupazione italiana dei Balcani. Crimini di guerra e mito della "brava gente"

foto: www.caunapoli.org

Nell'ambito della giornata antifascista del 16 Giugno a Palazzo Giusso

18.30 // PRESENTAZIONE DEL LIBRO

L'OCCUPAZIONE ITALIANA DEI BALCANI

Crimini di guerra e mito della "brava gente" (1940-1943)

di Davide Conti

Davide Conti è dottorando di ricerca in Storia Contemporanea all’Universita di Roma “La Sapienza” e ricercatore della Fondazione Basso - sezione internazionale; ha curato per Odradek Le brigate Matteotti a Roma e nel Lazio (2006)

more info: http://www.odradek.it/Schedelibri/Occupazione.html

una scheda del libro

Alla fine della seconda guerra mondiale il giudizio sui militari del Regio Esercito era diviso tra un'opinione pubblica internazionale che li considerava criminali di guerra e un'opinione pubblica interna incline a considerarli vittime della guerra fascista e “buoni italiani”.

Quali furono le cause che determinarono una percezione tanto difforme della realtà degli eventi legati alle guerre di aggressione dell'Italia fascista?

Dalla documentazione ricavata, in gran parte inedita, dall'Archivio Centrale dello Stato e da quello del Ministero degli Affari Esteri è emersa come la condotta delle truppe del Regio Esercito durante l'occupazione in Jugoslavia, Grecia ed Albania, negli anni 1940-’43 sia stata caratterizzata dalla snazionalizzazione, dalle repressioni contro i civili, dagli internamenti, dalle esecuzioni sommarie: crimini di guerra, appunto. Ciononostante essa rappresenta da sempre un tema sul quale l'opinione pubblica italiana si è misurata con difficoltà, se non con aperta reticenza. All'elaborazione critica del passato fascista è stato sostituito un generale processo di rimozione e autoassoluzione coniugato sul falso mito del “buon italiano”.

Le ragioni che hanno permesso l'affermazione di un tale paradigma trovano origine nella particolare situazione internazionale del dopoguerra, quando le necessità di riorganizzare il blocco occidentale in chiave anticomunista evitò l'estradizione ed il processo ai numerosi criminali di guerra italiani, richiesti dai governi albanese, jugoslavo e greco al fine di favorire un rapido riarmo dell'Italia e la sua inclusione all'interno dell'Alleanza Atlantica. L'opinione pubblica italiana, sostenuta dallo schieramento conservatore dei partiti antifascisti, si mostrò immediatamente disponibile alla ricezione di tali istanze internazionali assumendo ed introiettando una narrazione che, svincolandola dalle responsabilità storiche del consenso al fascismo, ha rappresentato uno dei fattori principali che hanno concorso a determinare quella “continuità dello Stato” che ha rappresentato fin dalla nascita della Repubblica un ostacolo e un’ipoteca sullo sviluppo democratico della società italiana.

Collettivo Autorganizzato Universitario – Napoli

6601