il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Sciopero

Sciopero

(28 Agosto 2011) Enzo Apicella
6 settembre sciopero generale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

FIRMA I REFERENDUM SOCIALI

(10 Maggio 2002)

PIU’ ARTICOLO 18

- Solo le aziende che hanno più di 15 dipendenti sono obbligate a reintegrare i lavoratori licenziati senza giusta causa. Questa norma fu scritta quando la maggior parte dei lavoratori era impiegata in strutture di quella grandezza. Ma oggi più della metà dei dipendenti sono impiegati in aziende con meno di 15 occupati, e tantissime donne e uomini non godono di questa e di altre tutele. Noi ti chiediamo di firmare due volte per abrogare quel limite. Stesso lavoro, stessi diritti.

PIU’ SCUOLA PUBBLICA

- La Costituzione prevede l’esistenza di scuole private, ma senza oneri per lo Stato. Invece, sono soldi pubblici i “buoni scuola”, i contributi per le scuole elementari parificate, la partecipazione alla spesa delle scuole private dell’infanzia. Di più: gli istituti privati paritari possono chiedere ad un quarto del loro personale di lavorare gratuitamente. Si inseriscono queste scuole nel “sistema nazionale di istruzione”, mentre si sottraggono risorse essenziali alla scuola pubblica. Noi ti chiediamo di firmare per abrogare ognuno di questi privilegi.

PIU’ SALUTE, PIU’ AMBIENTE

- Il Ministro per la Sanità, con una semplice ordinanza, può oggi autorizzare, e lo fa, l’uso di sostanze tossiche negli alimenti e la loro permanenza nei cibi sotto forma di “residui”. Noi ti chiediamo di firmare per abrogare questa possibilità.

- Un decreto firmato dal re nel 1933 stabilisce che per utilizzare un terreno per costruirci un elettrodotto non occorre autorizzazione: lo si espropria. La legge andava bene nell’Italia che si elettrificava, un secolo fa. Oggi no, perché l’elettrosmog è un problema serio, e va regolamentato. Noi ti chiediamo di firmare per abrogare questo esproprio.

- Il mondo ricco produce moltissimi rifiuti. Se riciclati, possono determinare ulteriore ricchezza per tutti. La legge, invece, favorisce con degli incentivi l’utilizzo degli inceneritori con la loro conseguente diossina, e permette la costruzione di impianti per i rifiuti urbani senza bisogno di chiedere autorizzazioni. Così si arricchiscono in pochi, mentre tutti siamo più inquinati. Noi ti chiediamo di firmare per abrogare questi incentivi e queste facilitazioni.

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «6 firme per 6 referendum»

Ultime notizie dell'autore «Partito della Rifondazione Comunista»

5991