il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Giorno della donna

Giorno della donna

(8 Marzo 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Spagna: "paz y verdad", le manifestazioni contro Aznar

cronaca del 13 Marzo 2004

(14 Marzo 2004)

Le manifestazioni spontanee, convocate attraverso i messaggi sms durante la notte "verdad ya", "manipulacion basta ya" e "vuestra guerra nuestros muertos", non hanno raccolto qualche centinaio di persone come ancora dis-informa repubblica.it e il televideo rai, ma moltitudini incredibili di cittadine e cittadini, per lo più giovani e determinatissimi.

A Madrid il presidio spontaneo di fronte alla sede del PP, già nella prima mezz'ora di mille persone, è diventato di cinquemila in meno di due ore. Per la prima volta (soprattuto per le/i compagni di movimento presenti), una manifestazione non autorizzata non è stata affrontata violentemente dalla polizia: il fatto è, da quanto raccontano, che gli stessi reparti posti a presidio della sede, mentre Rajoy invocava lo scioglimento degli assembramenti "illegittimi", hanno socializzato coi manifestanti: molti giovani militi hanno deposto le armi antisommossa e si sono messi a dialogare con il presidio.

In breve tempo, mentre correva la voce della riunione straordinaria della Giunta Elettorale e dopo la conferenza stampa del ministro Acebes, responsabile di tre giorni di attribuzione ufficiale ad ETA dell'attentato e che dava adesso in pasto all'informazione di massa l'arresto di tre arabi e due indiani, al presidio si aggiungeva un'altra convocazione spontanea, per la mezzanotte a Puerta del Sol. Da Madrid mi hanno detto che il Paseo, al momento in cui diecimila persone si sono spostate dalla sede del PP al nuovo appuntamento dove già altre migliaia si stavano radunando, era pieno di gente che usciva dalle case e si univa. Scene senza precedenti di partecipazione dalle stesse case sul percorso seguito dalla gente che chiamava a manifestare battendo le pentole e le casseruole. Il concentramento a Puerta del Sol, mezz'ora dopo, era incalcolabile, mentre arrivava la voce della notizia - anche questa lungamente negata all'informazione ufficiale - di una rivendicazione registrata di Al Qaeda.

A Barcelona la manifestazione si è autoconvocata nelle stesse forme e in modo indipendente da quella di Madrid. Già venerdì, malgrado l'esigua partecipazione alla manifestazione alternativa organizzata da movimenti e sindacati alla sede del PP, era stata l'enorme folla della manifestazione ufficiale a convertire l'occasione in un momento di richiesta di pace e a profluire sulla sede stessa a decine di migliaia. Stasera, la scena è stata anche più incredibile: alle 24 non si contavano le presone, una marea di giovani e meno giovani, confluiti nel centro della capitale catalana. Le scene di cedimento degli stessi corpi di polizia viste a Madrid si riproducevano anche a Barcelona: un intero reparto della municipale ha rotto i ranghi e si è unito al presidio quando è partito in corteo per il Passeig da Gracia... Dalle 23 circa, l'autoconvocazione alle sedi del PP, con la primaria richiesta di una dichiarazione pubblica immediata di Aznar di ufficializzazione della verità sull'attentato e delle scuse alla popolazione, e le stesse parole d'ordine contro la guerra e la manipolazione, si è moltiplicata in decine di città dello Stato spagnolo: "centinaia" erano solo le persone che si sono radunate a Tenerife.

Mentre decine di migliaia hanno manifestato nella sola Santiago de Compostela: lo provano foto di una folla sterminata e identificabile pubblicate su indy madrid.

Migliaia a Saragoza, dove le forze di sicurezza hanno invece tentato di fare pressione sulla concentrazione di piazza, ma sono state rese impotenti dai numeri e dalla spontaneità: solo un escoriato era il bilancio allo scioglimento della manifestazione all'una.

L'intera Galizia è in particolare scesa in strada: la sede galiziana del PP e il Parlamento della comunità sono stati posti sotto assedio, la polizia ha avuto là un atteggiamento molto più teso, ma anche in questo caso l'enormità della folla e l'omogenità determinata dei comportamenti spontanei ha impedito la repressione. La folla ha fatto anche irruzione negli uffici della Telefonica della Xunta de Galicia, perché sulla sua home continuava ad apparire il comunicato di "condanna dell'ETA" per l'attentato... In Andalusia rapida espansione della mobilitazione popolare: concentramenti e cortei spontanei durati ore sia a Malaga, con striscioni dalla scritta "Terroristas no, musulmanes sì" e "Fuera de la guerra ya", che a Sevilla. Tensione alle stelle in Euskadi, dove l'uccisione del panettiere Angel Berroeta - militante di Etxerat, l'organizzazione dei familiari dei detenuti politici baschi - da parte di un poliziotto spagnolo poi consegnatosi e con la versione che sarebbe stato "colpevole" di non aver esposto segni di lutto, ha provocato manifestazioni di protesta a Pamplona, città dell'omicidio e capitale di Navarra, Vitoria, Bilbao e San Sebastian, ma anche nella francese Bayonne. Scontri, cariche della polizia e barricate in tutti e tre i casi.

Oggi 14 Marzo mobilitazione convocata da Batasuna. Presidi e concentramenti di piazza sono stati convocati nelle stesse manifestazioni di questa notte in Castiglia, Catalogna, Galizia, Andalusia, Navarra ed Euskadi per domani, davanti ai seggi elettorali.

(reporterassociati/marisca)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Euskadi»

7817