il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Sciopero

Sciopero

(28 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Oggi sciopero

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

ACCORDO CGIL-CISL-UIL-CONFINDUSTRIA: LA COMPLICITA' DIVENTA PATTO REGOLATORE DI RELAZIONI, NON FERMERA' IL CONFLITTO SOCIALE E L'AUTORGANIZZAZIONE DAL BASSO

Dichiarazione e riflessioni di Roberto Martelli, segretario nazionale generale
della Confederazione Unione Sindacale Italiana (USI, fondata nel 1912)

(1 Luglio 2011)

"L'ACCORDO INTERCONFEDERALE CGIL-CISL-UIL-CONFINDUSTRIA, VUOLE RAPPRESENTARE LA CONFERMA DELLA COMPLICITA' COME PATTO REGOLATORE DELLE RELAZIONI SINDACALI INDUSTRIALI, NON FERMERA' IL CONFLITTO SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO E L'AUTORGANIZZAZIONE DAL BASSO DI LAVORATRICI E LAVORATORI".

Il 28 giugno 2011, è stato sottoscritto un accordo interconfederale, che vuole segnare in peggio la storia e la futura pratica delle relazioni sindacali industriali in Italia, come nuova fonte pattizia che smantella decenni di lotte e di conquiste del movimento operaio e sindacale.
La "complicità" diventa norma e soppianta la "concertazione" degli anni 90, foriera di futuri disegni di legge elaborati dal Governo in carica e dal ministro Sacconi.
Le Confederazioni sindacali che l'hanno sottoscritta, se ne assumeranno la piena responsabilità, di fronte ai lavoratori e alle lavoratrici.
Non sta a noi dare giudizi sull'operato di chi rappresenta la controparte, ha fatto con perizia il suo mestiere, nè lascia perplessi la scelta anche della Cgil, che dovrà affrontare il suo dibattito interno con i sindacati di categoria, le camere del lavoro, sulla legittimità e opportunità di tale sottoscrizione, unitamente a Cisl e Uil che a livello nazionale hanno da tempo imboccato una strada senza ritorno per la piena tutela di diritti collettivi e di quelli individuali.
Quello che ci interesserà valutare sarà la procedura d "consultazione certificata" di approvazione di questo accordo da parte delle confederazioni che l'hanno firmata che nei contenuti cerca di ottenere un avallo della propria base, alla quale dovranno spiegare come sarà possibile per un sindacato, poter tutelare i diritti individuali, contrastare la precarietà, difendere il futuro lavorativo dei giovani, il diritto all'istruzione pubblica, alla ricerca, la difesa dei posti di lavoro con un meccanismo che riduce molto la portata dei CCNL, cancella il diritto nei luoghi di lavoro di approvazione dal basso di accordi e contratti, sviluppa la contrattazione di secondo livello e/o aziendale, in una situazione dove la maggioranza delle aziende italiane è sotto il tetto dei 16 dipendenti e dove con la presenza di 44 tipologie contrattuali diverse, diventa sempre più difficile la presenza di un sindacato, figuriamoci di un contratto aziendale.
Anche la scelta sulle Rsu e sulle Rsa, fa presagire una ulteriore stretta anche delle limitate maglie elettive frutto della concertazione del periodo 1992-93, poste con le Rsu sulle quali si è sempre criticata la scarsa autonomia dai sidacati confederali e di categoria e sulla loro effettiva democraticità, specie con il 33% di quota di riserva e con un uso delle Rsa che è molto diverso da quello praticato secondo l'ispirazione degli operai e operaie che conquistarono lo "statuto dei lavoratori" e alla quale si attiene l'Usi e altri sindacati autorganizzati, come prosecuzione organizzata del movimento consiliare (consigli di fabbrica e consigli dei delegati, tutti elettori e tutti eleggibili). Quella legge 300 del 1970 che si vuole abolire, per sostituirla con lo statuto dei lavori...e magari dei "lavoretti" (dal pacchetto Treu del 1996, alla legge 30 e ai decreti attuativi del 2003, fino al collegato lavoro legge 183 del 2010...).
Anche il meccanismo della certificazione della rappresentatività, attraverso l'invio da parte delle aziende all'INPS delle delghe di iscrizione e del computo dei voti in caso di elezioni avvenute, lascia molto a desiderare se non vi è più un meccanismo paritario per permettere che siano i lavoratori e le lavoratrici a scegliere il loro sindacato, ma sia delegata all'azienda la facoltà di decidere se operare le trattenute sindacali o meno, di fatto scegliendo l'interlocutore sindacale con un meccanismo che non è oggettivo, ma con forti elementi di soggettività (in contrasto con il dettato della Corte Costituzionale fin dal 1996, sentenza 244 e altre) rispetto ai sindacati "compiacenti" o "conflittuali", senza contare che moltissimi sono coloro che lavorano al nero o ncon forme e regimi lavorativi se non contrattuali, che non consentono neppure la possibilità di reale sindacalizzazione.
Un dato rimane però oggettivo; questo accordo potrà avere valore ed efficacia, secondo i nostri attuali schemi civilistici di diritto del lavoro, per i livelli aziendali e in assenza di una legge che sia rispettosa della Costituzione e delle convenzioni internazionali OIL sottoscritte fin dal 1948-49 dall'Italia (oltre che della giurisprudenza di Cassazione), solo per coloro che fanno riferimento ai sindacati che lo hanno sottoscritto, non potendo legittimamente operare per i contratti individuali di lavoro o per accordi di miglior favore, alcuna deroga in pejus o modficia di contratti individuali già in essere senza il consenso dei lavoratori stessi.
La stessa trendenza alla rottura di meccanismi di "rigidità contrattuale" e di condizioni materiali di lavoro in termini collettivi, per accentuare la individualizzazione dei rapporti di lavoro e dei relativi contratti "certificati", è un'arma a doppio taglio, se le lavoratrici e i lavoratori sapranno avere ancora la forza di autodifesa solidale e collettiva, per ribaltare la situazione.
Altro dato è che al di là di tutte le operazioni di ridefinizione di modelli contrattuali, di relazioni sindacali industriali e di "rappresentanza", sono i rapporti di forza e il reale percorso di autorganizzazione e di sviluppo del conflitto sociale, gli elementi che potranno modificare questa tendenza distruttrice, come hanno dimostrato recentemente gli esiti del referendum del 12 e 13 giugno, dove la mobilitazione popolare ha sconfitto leggi e abrogato norme che andavano contro gli interessi della cittadinanza, un accordo è fonte pattizia che se non trova consenso ma opposizione, rimane poco applicabile.
Compito delle organizzazioni alternative, autorganizzate conflittuali, delle lavoratrici e dei lavoratori, sarà quello di rimanere coerenti con l'antico motto internazionale
"L'EMANCIPAZIONE DEI LAVORATORI (E DELLE LAVORATRICI) SARA' OPERA DEI LAVORATORI...O NON SARA'".
L'invito è a tutte le forze politiche, sindacali, sociali, contrarie a questa tendenza distruttrice è di unirsi in una grande ennesima lotta di libertà e di dignità, attraverso l'informazione capillare, la lotta, la mobilitazione congiunta e la resistenza attiva.

30 giugno2011

Unione Sindacale Italiana (Usi), Confederazione di sindacati nazionali e di federazioni locali fondata nel 1912

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Difendiamo il contratto nazionale di lavoro»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

6887