il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

No Tav

No Tav

(12 Aprile 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La Val di Susa contro l'alta voracità)

Pentole, denunce e fogli di via

(5 Agosto 2011)

Mercoledì 3 agosto, Avigliana. Intorno alle 9 del mattino una settantina di No Tav si ritrovano all’hotel Ninfa, uno degli alberghi che hanno accettato di ospitare le truppe di occupazione asserragliate alla Maddalena di Chiomonte nel fortino costruito dai collaborazionisti dell’Italcoge. Un appalto che non ha portato fortuna alla ditta di Lazzaro, che proprio il giorno precedente era stata dichiarata fallita.

I No Tav sono armati di tutto punto: pentole, coperchi, fischietti, vuvuzuelas, megafonino e striscione con la scritta “via le truppe di occupazione!”.
Si piazzano davanti all’ingresso e cominciano a fischiare e battere. Un classico cacerolazo.

Dalle finestre si affacciano alcuni poliziotti e cominciano a scattare foto. I No Tav fanno un giro intorno all’albergo, continuando a battere e a scandire slogan “giù le mani dalla Val Susa!”.

Il concerto continua per circa un ora – con una breve interruzione per far passare una famiglia con una ragazza gravemente disabile. Poi si va.
Mentre i No Tav si allontano i poliziotti dell’albergo, veri cuori di leone, si precipitano giù brandendo macchine fotografiche, alcuni si gettano addirittura sulla statale provocando scompiglio tra le auto di passaggio. Nel frattempo arrivano i rinforzi. Anche loro armati di tutto punto: manganello, pistola, manette e libretto delle contravvenzioni. 16 No Tav, gli ultimi a salire in auto, vengono intercettati e fermati dalle forze del disordine statale. Un’operazione in grande stile.
Per oltre due ore si consuma il primo atto della vendetta: una pioggia di contravvenzioni si abbatte sugli autisti: dalle cinture non ancora allacciate di chi era appena salito sulla propria vettura al fanalino rotto.

Poi scatta la seconda fase. Tutti sono caricati sui cellulari e portati in corso Tirreno a Torino per l’identificazione.
Sui giornali on line compare la versione addomesticata della Questura, subito fatta propria dai giornalisti di turno a Stampa e Repubblica: si parla di irruzione nella hall dell’albergo, di dipendenti intimoriti e minacciati. Pura fantascienza: peccato che non compaia su una pubblicazione specializzata ma su quotidiani di informazione.
I 16 pericolosi battipentole vengono trattenuti dalla polizia per l’intera giornata. Un presidio solidale si raduna in corso Tirreno dove viene esposto uno striscione “No Tav – Liberi tutti!”.
A gruppi i No Tav vengono trasferiti nella sede centrale della questura torinese, in via Grattoni. Lì li perquisiscono, schedano con foto segnaletiche e rilevazione delle impronte. Tutto l’apparato della questura torinese contro chi ha osato disturbare i sonni dei poliziotti.

Nel tardo pomeriggio scatta la terza fase. Perquisizioni domiciliari per cercare armi nelle case di tre dei fermati, due attivisti di Collegno e una No Tav di Pinerolo. Al nostro compagno Aldo hanno anche perquisito l’auto.
In tutte e tre le case sono state trovate le armi usate in mattinata dai No Tav: pare che tutti avessero un robusto arsenale di pentole, mestoli e coperchi.
In serata il presidio solidale si sposta in via Grattoni.
Uno ad uno i No Tav vengono rilasciati.
Per tutti è scattata la fase quattro della vendetta: escono brandendo i fogli con una denuncia per violenza aggravata in concorso.

Ciliegina sulla torta una pioggia di fogli di via. Per tre francesi l’espulsione dall’Italia, per gli altri, tranne uno, il divieto ad andare nei comuni di Avigliana, Susa, Gravere, Chiomonte, Giaglione, Exilles.

Siccome le denunce non bastano a tenere lontani dalla lotta i No Tav, la questura torinese ricorre ai vecchi strumenti della polizia fascista, che quella “democratica” si è ben guardata dal cancellare. È sufficiente che un poliziotto dica che sei pericoloso e metta una firma. In via extragiudiziale sei condannato: ti viene impedito di manifestare il tuo pensiero e di opporti al supertreno.

Nel pomeriggio anche a tre No Tav fermati nella zona della baita Clarea vengono appioppati alcuni fogli di via.
Una No Tav torinese, uscendo dalla questura ci comunica la sua indignazione per le umiliazioni subite. La abbracciamo forte forte. Nel pomeriggio avrebbe dovuto occuparsi del nipotino, ma non ha potuto. Ci piace pensare che da grande il bambino sarà orgoglioso di sua nonna.
Se il domani sarà meno oscuro dell’oggi che siamo forzati a vivere, sarà grazie alla lotta di tanti uomini e donne, giovani, meno giovani ed anziani che sanno che la libertà non si mendica ma si prende. E sono disposti a pagare il prezzo.

La lotta non si ferma. Oggi tre No Tav, per protestare contro la militarizzazione e la repressione si sono incatenati al cancello che chiude la strada dell’Avanà a Chiomonte, nei pressi del presidio “Gravela”. Uno di loro digiuna da 12 giorni e – da oggi – ha smesso anche di bere.

L’invito è di andare a Chiomonte per sostenerli.
In serata, sempre al presidio “Gravela” di Chiomonte si terrà la prima della serate sulla militarizzazione.

La conferenza “Da Kabul a Chiomonte. La guerra dell’Italia in Afganistan” sarà tenuta da Marco Rossi, autore di “Afganistan senza pace”.
Appuntamento alle 21.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La Val di Susa contro l'alta voracità»

4748