il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Dignità operaia

Dignità operaia

(9 Marzo 2012) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale dei metalmeccanici convocato dalla Fiom e manifestazione nazionale a Roma

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Per un sindacato di classe)

2º incontro dei sindacati di classe per la mobilitazione unitaria contro il Patto Sociale

(12 Agosto 2011)

Le organizzazioni sindacali Confederación General del Trabajo (CGT), Confederación Nacional del Trabajo (CNT), CO.BAS, Coordinadora Sindical de Clase (CSC) e Solidaridad Obrera (SO) si sono riunite per la seconda volta il 29 luglio per decidere su nuove iniziative e per definire un calendario di proteste, sulla base dell’unità di classe, verso uno sciopero generale contro le politiche di tagli e perdita dei diritti imposte dal governo e dalle istituzioni europee per volere dei datori di lavoro e dei mercati.

Le nostre organizzazioni sindacali si impegnano a diffondere nelle rispettive realtà e nelle diverse pratiche sindacali, nei quartieri e nei luoghi di lavoro, la necessità, che i lavoratori e le lavoratrici diano vita ad una lotta politica unitaria, contro le ripetute riforme dell’occupazione, contro i tagli al sistema pensionistico, contro la riforma della contrattazione collettiva e contro i tagli sociali e ai servizi pubblici (sanità, trasporti, istruzione...) contro la pretesa, ancora una volta, che siano i lavoratori e le fasce più deboli della società a pagare la crisi del capitalismo.

E’ necessaria una rottura con quel sindacalismo istituzionalizzato, subordinato e complice diretto dei passi duri ed aggressivi compiuti dal governo e dai datori di lavoro contro i diritti del lavoro e contro le conquiste raggiunte dalla lotta di un movimento operaio militante, quel sindacalismo che a causa della sua istituzionalizzazione e della sua dipendenza dallo Stato, ha portato alla perdita successiva dei diritti dimostrando la sua incapacità di affrontare la crisi del capitalismo.

Abbiamo bisogno di estendere ai luoghi di lavoro le dinamiche della mobilitazione sociale generata dalle assemblee nelle strade e quartieri, così come il reciproco impegno e sostegno espresso dal movimento di resistenza agli sfratti o contro la detenzione dei lavoratori immigrati.

Per il mese di settembre viene convocato un dibattito pubblico tra i sindacati di categoria che sarà trasmesso via Internet (streaming) ed è prevista la convocazione di una giornata comune di azione nel mese di ottobre, all’interno di una serie di manifestazioni dedicate alle rivendicazioni dei lavoratori per separare il lavoro dal reddito, per la difesa dei servizi pubblici e dei diritti sociali, per la prospettiva di un cambiamento radicale nel dibattito economico, sociale e politico.

Il 2 settembre è stata convocata un’altra riunione per proseguire questo processo e realizzare manifestazioni in autunno con il desiderio, l’intenzione e la volontà di unire il vibrante movimento sociale con la lotta e gli strumenti delle organizzazioni sindacali anti-capitaliste e di classe in una risposta unitaria e senza prime donne necessaria per rafforzare la capacità dei lavoratori di continuare a respingere ed affrontare l’attuale stato di cose.

CGT, CNT, SO e CSC invitano tutti i sindacati ed i collettivi di lavoratori dei diversi ambiti territoriali e sindacali che hanno posizioni opposte alla politica sociale ed al patto di smobilitazione guidato da CCOO e UGT, a partecipare a questo processo di mobilitazione comune e aperto. Confederación General del Trabajo (CGT) Confederación Nacional del Trabajo (CNT) Coordinadora Sindical de Clase (CSC) Solidaridad Obrera (SO)

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

5488