il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Gaddafi

Gaddafi

(21 Ottobre 2011) Enzo Apicella
Dopo molti tentativi falliti l'imperialismo riesce ad uccidere Mu'ammar Gheddafi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Il vero nemico di Gheddafi

(23 Agosto 2011)

Muammar al-Gheddafi

Ora che la caduta di Mu’ammar Gheddafi, rivoluzionario finito tiranno, ha iniziato l’ultimissimo conto alla rovescia, ora che le notizie s’inseguono a predirne fuga o caduta armi in pugno e la Cia, tanto per non demordere in demonizzazione, gli prevede un’ultima resistenza e una fine alla maniera del Fürher, accanto alle incertezze sul futuro libico si può meditare sul nemico peggiore dello statista-dittatore. Non i ribelli spontanei o diretti e finanziati dai colonialisti di ritorno alla Sarkozy e Cameron, o l’intero Occidente voglioso di petrolio a prezzi stracciati ma solo per le Sorelle dell’estrazione. Non i Warfalla e le tribù un tempo alleate divenute nemiche. Non i capi di etnie rimasti a lungo in sourplace per vedere se stare con l’esercito lealista o coi raffazzonati gruppi di volontari ribelli che nessun “consigliere” Nato riusciva a organizzare militarmente. Né l’apostata dell’ultim’ora, ospite degli interventisti Frattini e La Russa, quel Salem Jallud, in altre epoche vice di Gheddafi, da lui stesso accantonato un ventennio or sono, e rimasto comunque a vivere in Libia. Nei sei mesi di scontri armati - una guerra civile tutto sommato piccola perché di minoranza, ma in ogni caso quotidiana - la maggioranza dei libici è sembrata non essere né pro né contro Gheddafi. Restava a guardare gli eventi, con gli impegnati nella sfera economica e tecnica a fiutare l’aria per compiere quei passi che solo in queste ore stanno palesando.

La maledizione e il vero nemico che Gheddafi s’è trovato contro, incarnato da giovani uomini che della sua megalomania, del narcisismo, del clanismo familiare non volevano più saperne, sono stati i quarantadue anni di potere. Quarantadue anni sono un’enormità. Raccolgono due generazioni, lì dove si filia presto anche tre, e pensare di governare padri e figli, ritenersi un insostituibile faro di una nazione, autoproclamandosi tale decennio dopo decennio, è tutt’uno con quel patologico distacco dalla realtà tipico delle dittature d’ogni epoca. Non si vuole generalizzare e non è bene estrapolare uomini e fatti da luoghi e contesti, eppure l’ufficiale che portava il Corano e la Rivoluzione Verde che si ricollegava al Terzomondismo, che incarnava lo schiaffo anticoloniale e antimperialista all’Occidente di parte del Maghreb era tramontato da tempo assieme allo pseudo socialismo della sua Jamahiriyya. Tant’è che dopo averlo odiato, messo all’indice e all’embargo, bombardato (le bombe reganiane), dopo averne cercato la morte fisica e politica lo si è riavvicinato cancellandone il marchio d’infamia di mente del terrorismo mondiale. I leader d’Europa l’osannavano e carezzavano. Gli baciavano le mani come a un padrino. Oltreoceano si valutavano rassicuranti le svolte pro domo sua (non di tutti i cittadini) del leader libico.

Piacevano la metamorfosi da raìs e quel contorno di sodali che millantando interessi comuni attraverso “Comitati popolari” curavano quelli di casta. Piaceva il Circo Barnum di tende e amazzoni body-gard. E’ lì che Gheddafi s’è auto-imprigionato, scrivendo il suo epicedio politico ben prima che nel bunker di Bab al-Aziziyah.

23 agosto 2011

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

3406