il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Iraq occupato

Iraq occupato

(30 Marzo 2008) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iraq occupato)

Occupazione mascherata dell'iraq dopo ritiro usa

Secondo una fonte irachena, Washington avrebbe offerto a Baghdad tre basi militari e equipaggiamento in cambio di sei basi in cui posizionare le truppe a stelle e strisce. Apparentemente, per l’addestramento delle forze irachene. Ma l’obiettivo Usa è mantenere 20mila soldati nel Paese.

(25 Agosto 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.nena-news.com

Occupazione mascherata dell'iraq dopo ritiro usa

truppe americane di stanza in Iraq, foto AP

EMMA MANCINI

Roma, 25 agosto 2011, Nena News (nella foto, truppe americane di stanza in Iraq, foto AP) – Gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di mollare la presa sull’Iraq: l’occupazione militare proseguirà ben oltre il 2011. È quanto emerge dal reportage pubblicato ieri dal quotidiano londinese di proprietà saudita Al-Hayat: l’exit strategy che immagina l’amministrazione statunitense appare come una pura chimera. Basi e truppe a stelle e strisce garantiranno a Washington il controllo su Baghdad negli anni a venire, un controllo che permetterebbe agli Stati Uniti di mantenere una presenza militare stabile su pozzi di petrolio e Medio Oriente.

Secondo fonti ritenute molto affidabili, Washington avrebbe proposto al governo iracheno un accordo: tre basi militari completamente equipaggiate in cambio del mantenimento di sei basi americane nel Paese dopo la fine del 2011. “Gli Stati Uniti hanno chiesto che sei basi militari siano mantenute in Iraq – ha spiegato la fonte, considerata vicina al gruppo di negoziatori - Basi da utilizzare per il posizionamento dei soldati americani che addestreranno gli iracheni. Si tratterebbe di forze di addestramento delle unità irachene e anche di forze in grado di affrontare una qualsiasi minaccia esterna alla stabilità dell’Iraq”.

Una stabilità necessaria a Washington e mascherata dal bisogno di addestrare le truppe di un Paese che dopo otto anni di occupazione militare stenta a rialzare la testa, devastato dai costi umani, finanziari e politici imputabili alla guerra al terrore lanciata nel 2003 dall’allora presidente americano George W. Bush.

“Le due parti non hanno ancora raggiunto un accordo sulla questione – ha continuato la fonte – e ci sono ancora differenze nel numero esatto di militari americani che dovrebbero rimanere sul campo e se avrebbero garantita l’immunità”. Secondo quanto riportato al quotidiano Al-Hayat, infatti, se Baghdad e Washington si sarebbero accordati sul numero di equipaggiamento pesante militare che gli americani potrebbero mantenere in Iraq (elicotteri, aerei e tank), le due parti starebbero ancora discutendo sul numero di soldati statunitensi di stanza nel Paese mediorientale.

“Gli iracheni – ha detto la fonte – stanno insistendo perché non si superino le 8mila presenze nel Paese, mentre gli Stati Uniti ritengono che per portare avanti le operazioni di addestramento sono necessari almeno 20mila soldati. Gli americani hanno sottolineato che una presenza militare inferiore alle 10mila unità sarebbe insufficiente”. Ovvero, le truppe non sarebbero in grado di fornire il necessario know-how alle forze di sicurezza irachene né di garantire la sicurezza del Paese minacciato da eventuali pericoli esterni.

Occupazione mascherata dell'iraq dopo ritiro usa

Distruzione nelle strade di Baghdad - foto: www.nena-news.com

“Secondo gli americani, se l’Iraq si trovasse a dover affrontare una minaccia da fuori, avrebbero bisogno del sostegno di ventimila soldati. E che comunque l’equipaggiamento militare che gli Stati Uniti manterranno in Iraq dopo il 2011 richiede per la sua gestione la presenza di almeno 15mila soldati”. Insomma, il messaggio inviato da Washington appare chiaro: noi vi lasciamo un equipaggiamento tale da riempire tre basi militari, ma voi dovete darci in cambio sei basi da gestire.

Il quotidiano Al-Hayat ha contattato Saad al-Matlabi, uno dei leader della State of Law Coalition (coalizione politica irachena formata nel 2009 dopo le elezioni nazionali dall’attuale primo ministro e dal partito islamico Dawa), uomo molto vicino al premier Nouri al-Maliki. Al-Matlabi ha commentato il possibile accordo definendolo una mossa astuta da parte statunitense: gli States vogliono mantenere il controllo del Paese mascherandolo come necessario alla sicurezza irachena.

“L’Iraq punta a qualcosa di diverso dagli Stati Uniti, che sono chiaramente alla caccia di altri obiettivi. Noi vogliamo raggiungere un accordo sull’addestramento delle nostre forze di sicurezza, mentre gli americani vorrebbero che questi addestratori proteggano la loro presenza militare qui. Non possiamo che opporci”.

Resta da vedere il potere di contrattazione che Baghdad sarà in grado di mettere sul piatto, nei confronti della potenza americana e delle sue brame economiche e politiche. Il governo iracheno, dopo otto anni di occupazione militare, si trova a dover affrontare una situazione drammatica, a dover rimettere in piedi un Paese devastato: aumento esponenziale dei tassi di povertà e disoccupazione, carenza di infrastrutture, sistemi fognari, acqua corrente, elettricità, scuole. A cui va aggiunto un aumento preoccupante della corruzione delle neonate istituzioni irachene e un’impennata di violenza e terrorismo. Nena News

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

3047