il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Sequestro di Stato al Cie di Milo (Trapani)

(29 Agosto 2011)


Oggi Helmi entra nel suo ventiquattresimo giorno dall'inizio del sequestro. In un paese civile la sua storia sarebbe un'onta per le istituzioni e per la magistratura. Ma non in Italia, dove ormai ci scivola addosso tutto, anche un sequestro di Stato. Helmi è un ragazzo di 26 anni. Viene da Mahdia, in Tunisia. In Italia è arrivato il primo febbraio 2011, a bordo di una barca soccorsa dalla nostra guardia costiera al largo di Lampedusa dove vagava da tre giorni alla deriva con sei ragazzi a bordo. Da allora non ha più rivisto il mare. Né una piazza, una casa, un volto amico, una donna, dei bambini. Helmi infatti è stato privato della libertà subito dopo il suo arrivo. Da Lampedusa l'hanno trasferito al centro di identificazione e espulsione di Torino. Lì si è fatto cinque mesi e venticinque giorni di reclusione, fino a quando, a fine luglio, l'hanno trasferito a Palermo per essere espulso. Ma in aeroporto qualcosa è andato storto, il console ha rifiutato di identificarlo perché secondo gli accordi con il ministro dell'Interno Maroni i tunisini sbarcati prima del 5 aprile hanno diritto a un permesso umanitario di sei mesi. Così l'hanno riportato in un Cie, stavolta a Milo, Trapani. E qui è iniziato il suo dramma con la burocrazia italiana. Dallo scorso 5 agosto infatti, Helmi è tecnicamente sequestrato dallo Stato italiano. Perché è vero che la nuova legge prevede un limite massimo di 18 mesi di detenzione nei Cie, ma allo stesso tempo impone ai giudici di pace di prorogare ogni due mesi l'ordine di trattenimento. Bene a Trapani nessun giudice ha mai prorogato il trattenimento di Helmi. L'avvocato che lo segue ha presentato un'istanza per chiedere l'immediato rilascio. Se la legge in Italia valesse ancora qualcosa, qualche dirigente andrebbe incontro a un processo penale per sequestro di persona. Ma ancora una volta prevale la cultura del respingimento. Che oltre a respingere qualche centinaio di ragazzi tunisini partiti all'avventura, ha finito per respingere sempre più lontano la cultura del diritto.

fortresseurope.blogspot.com

2969