">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Truppe USA

Truppe USA

(22 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

Dietro i disordini in Kosovo

di John Catalinotto e Heather Cottin

(5 Aprile 2004)

Il 18 marzo il sistema mondiale dei mezzi di informazione di massa riportava dell’esplodere nei Balcani di quello che i media amavano denominare come “violenza etnica”. Dentro un giorno, circa 1500 soldati delle forze Inglesi, Francesi, Italiane, Danesi e degli USA si dirigevano verso il Kosovo, provincia della Serbia sotto occupazione,con l’assicurazione dell’intervento aggiuntivo di altri 600 uomini della Germania.

Come per la maggior parte degli avvenimenti nei Balcani degli ultimi 15 anni,il loro significato veniva interpretato in maniera distorta dalle corrispondenze di questi media, che attribuivano il complesso degli atti violenti ad “antiche ostilità etniche”, che comunque non potevano essere riportate sotto controllo se non con l’intervento delle truppe dell’Occidente.

La verità è che per 45 anni dopo la Seconda Guerra Mondiale la Federazione Socialista di Jugoslavia si era dimostrata in grado di realizzare rapporti di collaborazione fra le sue diverse nazioni, popoli, gruppi etnici e religiosi. Inoltre la Federazione coesisteva pacificamente con la confinante Albania, un’altra nazione socialista, malgrado le notevoli divergenze politiche con i dirigenti Albanesi.

Era stato l’intervento della NATO, specialmente dei settori Tedeschi e Statunitensi, ad organizzare la sovversione, acutizzando tutte quelle differenze nazionaliste e religiose che hanno portato allo sconvolgimento degli anni 1991-1998. Alla fine sono arrivati i 78 giorni dei bombardamenti USA/NATO sulla Jugoslavia, che hanno avuto l’inizio cinque anni fa, proprio il 24 marzo 1999.
I bombardamenti hanno causato la morte di migliaia di Jugoslavi, inclusi quelli di etnia Albanese e i Serbi nel Kosovo.

ESPANSIONE VERSO L’EUROPA DELL’EST

L’imperialismo USA si è servito della sua organizzazione militare Europea, la NATO, per crearsi una copertura multinazionale per la guerra del 1999. La NATO risultava essenziale per gli sforzi degli USA nella loro espansione verso l’Est Europeo, dopo il collasso dell’Unione Sovietica.

A provocare la guerra e lo smembramento della Jugoslavia, negli ultimi anni Novanta, sia Washington che Berlino hanno puntato sulla KLA (UCK,Esercito di Liberazione del Kosovo), una formazione di estrema destra di individui di etnia Albanese.
Prima del 1998, gli stessi ufficiali Statunitensi descrivevano la KLA come una formazione “terroristica”. Il programma politico della KLA comprendeva di instaurare una “Grande Albania”, con l’inclusione del Kosovo e parti della Bulgaria,della Serbia,del Montenegro e della Grecia.

I bombardamenti del 1999 terminavano quando il governo della Jugoslavia veniva costretto ad accettare che il Kosovo venisse occupato dalle forze della NATO. Comunque, il Kosovo giuridicamente rimaneva parte integrante della Serbia. Da allora, le Nazioni Unite hanno dato copertura all’occupazione della NATO, e a tutt’oggi si trovano in Kosovo 18.500 soldati di truppe NATO (KFOR). All’inizio ve ne erano stati dispiegati quasi 40.000.

Dopo l’occupazione del 1999, le truppe NATO in Kosovo hanno consentito ai reazionari della KLA di cacciare dal Kosovo alcune centinaia di migliaia di Serbi, Ebrei, Rom (Zingari) e di altre nazionalità, praticando gli incendi dolosi, l’assassinio e le azioni intimidatorie. Molte di queste persone hanno trovato rifugio in Serbia. I reazionari della KLA hanno anche perseguitato gli Albanesi di idee progressiste.

“In Kosovo non sono rimaste più minoranze etniche di qualche importanza.Dal 1999 sono fuggite 220.000 persone,” questo ha dichiarato di recente il portavoce dell’UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) in una conferenza stampa a Ginevra. Dall’inizio dello scatenarsi della violenza di questo mese, più di 4.000 Serbi hanno abbandonato le loro case.(Reuters,19 marzo)

L’INCIDENTE DEL 16 MARZO

Il 16 marzo, quattro ragazzini Albanesi sono stati travolti dall’impeto del fiume Ibar, nel Kosovo. Solo uno di loro è sopravvissuto.
La prima storia che emergeva da questo fatto accidentale asseriva che i bambini erano stati inseguiti e cacciati nel fiume da alcuni giovani Serbi con i loro cani. Ma il 18 marzo, a Pristina, Derek Chappell, un portavoce delle autorità di occupazione delle Nazioni Unite (UNMIK), dichiarava ai media che questo in via definitiva non corrispondeva al vero, che il sopravvissuto all’annegamento aveva riferito ai suoi genitori che lui e i suoi amici da soli erano entrati nel fiume e subito erano stati inghiottiti dalla violenza della corrente. Chappell asseriva che forze organizzate avevano usato la menzogna per scatenare virulenti attacchi contro le popolazioni Serbe della regione.

Veniva riferito che 24 persone erano state uccise e 500 ferite negli scontri, quasi tutti della popolazione Serba. Venticinque chiese Serbo Ortodosse e monasteri erano stati incendiati e quasi 400 case date alle fiamme.(ITAR-TASS,22 marzo)

Alcuni funzionari ONU e Occidentali venivano autorizzati a dichiarare che l’incidente doveva essere inteso come la provocazione ad uno scontro per conseguire la separazione del Kosovo dalla Serbia. Tale separazione avrebbe costituito una violazione agli accordi del 1999.

Non sarebbe stata la prima volta che veniva fabbricato un incidente per giustificare lo scontro. Nel gennaio 1999, la KLA e l’ufficiale Statunitense William Walker avevano conclamato che la morte di un gruppo di combattenti della KLA nel villaggio Kosovaro di Racak doveva intendersi invece come un massacro di civili. Il “massacro di Racak” era stato usato per giustificare la guerra della NATO contro la Jugoslavia, che gli USA e la Germania avevano appoggiato come un intervento “umanitario”. (N.d.T.: non è trascurabile il ruolo dell’Italia in questa “guerra umanitaria”, visto che molti bombardieri partivano dalle basi in Italia, come Aviano!)

Quest’anno, l’anatomopatologa Finlandese Helena Ranta, che aveva condotto le indagine legali relative al caso Racak, dichiarava al Berliner Zeitung del 17 gennaio che erano stati uccisi anche elementi delle forze di sicurezza Serbe e che non vi era alcuna prova che i corpi dei morti che lei aveva esaminato fossero di civili o che fossero stati sottoposti ad esecuzioni sommarie.

LA PROTESTA A BELGRADO PRENDE DI MIRA GLI STATI UNITI

Il 18 marzo, quasi 10.000 persone hanno marciato nel centro di Belgrado in
solidarietà con le popolazioni della comunità Serba bersagliate nel Kosovo. Vladimir Krsljanin, un collaboratore dell’ex Presidente Jugoslavo Slobodan
Milosevic, comunicava da Belgrado a “Workers World” che 2.000 dimostranti avevano circondato l’Ambasciata USA fino alle due del mattino. Da allora l’Ambasciata è rimasta chiusa.

Krsljanin ci ha dichiarato che 200 elementi perturbatori o provocatori avevano dato luogo ad un attacco alla moschea di Belgrado per incendiarla. La polizia non ha cercato di fermarli, era in attesa di rinforzi, ma ha protetto l’Ambasciata USA. Molti dimostranti giustamente ribadivano che gli Stati Uniti erano responsabili per il deteriorarsi delle condizioni di vita nei Balcani e per le minacce alla Serbia.

In Kosovo dal 1999, migliaia di Albanesi, Serbi, Bulgari e di altre popolazioni sono stati lasciati senza lavoro da industrie e miniere che il governo della Jugoslavia in precedenza aveva sempre tenuto in attività. Inoltre in Kosovo è venuta a cessare l’assistenza medica gratuita assicurata dallo stato e il sostegno per l’istruzione quasi tutto a carico del governo.

Nel 1999, la NATO ha permesso alle formazioni paramilitari della KLA di assumere il controllo sul Kosovo. Negli ultimi due anni, queste stesse forze operative addestrate dalla CIA hanno aiutato ad organizzare paramilitari per aggredire la vicina Macedonia.

Il principale risultato di quest’ultima provocazione sarà quello di introdurre più forze armate nella regione per rimpolpare l’alleanza imperialista della NATO nell’Europa dell’Est.

In molte delle nazioni ex socialiste dell’Europa dell’Est, dalla Polonia al Turkmenistan, dall’Uzbekistan all’Ungheria, la NATO ora sta proteggendo le multinazionali imperialiste dell’Occidente e sta promovendo le fortune delle industrie militari Occidentali, specialmente di quelle Statunitensi.

Nei Balcani, l’intervento imperialista non ha portato “soccorso umanitario”, ma ha fatto crescere lo sconvolgimento della regione.


(Copyright Workers World Service: E' concesso a tutti di copiare e di diffondere testualmente copie di questo documento, ma è vietato modificarlo. Per maggiori informazioni contattare Workers World, 55 W. 17 St., NY, NY 10011; via e-mail: ww@wwpublish.com. Subscribe
wwnews-on@wwpublish.com. Unsubscribe wwnews-off@wwpublish.com. Sostieni la voce della resistenza http://www.workers.org/orders/donate.php)

John Catalinotto e Heather Cottin

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Kosovo: le macerie della "guerra umanitaria"»

7840