il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Per lo stato il lavoro in nero emerge solo con le tragedie

(5 Ottobre 2011)

Sembra che stampa, istituzioni e politica abbiano scoperto, all’improvviso, che in Italia esiste ancora il lavoro in nero, sottopagato e schiavizzato.
Succede nel giorno in cui crolla un palazzo fatiscente a Barletta, in Puglia, dove muoiono cinque donne, quattro delle quali operaie.
Producevano maglie e tute da ginnastica, senza contratto, pagate 3,95 euro all’ora per 8, 10 o addirittura 14 ore al giorno.
Improvvisamente i media e i politici si dicono sconvolti da questa tragedia, scandalizzandosi di fronte al fatto che, nel 2011, ancora possano esistere tali condizioni di lavoro.
La verità è che troppo spesso la politica cerca di insabbiare il lavoro schiavizzato che viene tutt’ora imposto da padroni di piccoli laboratori o aziende; sembra che se ne accorgano solo quando ci scappa il morto e si trovano costretti a parlarne.
Pensiamo alle centinaia di uomini e donne immigrate che quotidianamente si spezzano la schiena nei campi di pomodori per pochissimi euro l’ora, oppure a tutti gli operai che, sotto caporalato, vengono sfruttati fino all’osso per una miseria.
Per loro nessuna solidarietà concreta dalla politica, eppure non c’è niente di nuovo.

Questa società nasconde il lavoro nero e quello schiavizzato perché non ha a cuore la salute e la sicurezza dei lavoratori, ma preferisce salvaguardare gli interessi dei padroni.
Si chiama capitalismo.
Succede in Puglia, in Calabria e Sicilia, ma lo troviamo in tutta Italia con un precariato inarrestabile e con un ritorno al passato anche da parte delle grandi fabbriche come la Fiat, dove i padroni vogliono disintegrare i nostri diritti in nome del loro profitto.

La tragedia di Barletta ci deve insegnare che, fino a quando esisterà questo sistema di sfruttamento e miseria, nessun lavoratore vedrà mai anteposti i propri diritti e la propria sicurezza rispetto alla fame dei padroni.
La memoria delle operaie uccise a Barletta dall’incuria e dall’avidità dello stato dovrà vivere in ogni lotta per la difesa dei diritti dei lavoratori!

Operai e lavoratori de “Il Picchetto”

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

2846