il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

In soccorso alla popolazione civile

In soccorso alla popolazione civile

(1 Giugno 2011) Enzo Apicella
La Nato ha comunicato la proroga di 90 giorni della missione in Libia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Libia: come distinguere un movimento sociale da un’invasione?

(11 Ottobre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in ciptagarelli.jimdo.com

Alcuni mezzi di informazione presentano l’invasione della NATO e degli Stati Uniti contro la Libia come un movimento sociale.

Per coloro che non sanno distinguere tra una cosa e l’altra, suggeriamo qualche traccia:

· Un movimento sociale di massa trionfa da solo e non ha bisogno che una coalizione imperialista di 24 paesi saccheggiatori invada il suo paese per più di sei mesi senza riuscire ad imporsi.

· Un movimento sociale è fatto da persone in carne e ossa, e non da vittime immaginarie di presunti bombardamenti, non confermati né dai giornalisti di Telesur, né dalla vigilanza satellitare russa, né da quella del Pentagono.

· Un movimento sociale sorge spontaneamente dal popolo e non dai piani del Pentagono per l’invasione della Libia, denunciati dal 2001 dal generale Wesley Clark.

· Un movimento sociale non ottiene la protezione di quella mafia delle potenze egemoniche denominata ONU.

· Un movimento sociale non è diretto da monarchici, terroristi fondamentalisti, mercenari stranieri, né da ex ministri del governo al quale si oppone.

· Un movimento sociale non viene presentato da Barak Obama come “modello per le relazioni internazionali”, né appoggiato dall’esercito d’occupazione dell’Europa chiamato NATO.

· Un movimento sociale non si inaugura assassinando il suo stesso capo, come ha fatto il CNT (Consiglio Nazionale di Transizione) con il suo primo presidente, Abdel Younis.

· Un movimento sociale non dispone di portaerei, corazzate, bombardieri, missili teleguidati, elicotteri da combattimento e aerei senza pilota.

· Un movimento sociale non scatena contro i propri compatrioti la strategia del bombardamento terroristico della popolazione civile, inaugurata dalla Luftwaffe nazista contro Guernica.

· Un movimento sociale non ripete questo genocidio in 20.000 missioni aeree contro il proprio paese.

· Un movimento sociale non bombarda sistematicamente ospedali, acquedotti, scuole, case o sedi di mezzi di comunicazione.

· Un movimento sociale non sequestra giornalisti indipendenti né li espelle per impedire che testimonino quello che sta succedendo.

· Un movimento sociale non pratica l’assassinio selettivo dei dirigenti del proprio paese, né fissa ricompense di un milione e mezzo di euro per le loro teste.

· Un movimento sociale non maneggia uffici, lobby o influenze perché la Corte Penale Internazionale emetta ordini di detenzione contro i suoi avversari.

· Un movimento sociale non causa un genocidio di 60.000 vittime tra il proprio popolo.

· Un movimento sociale non ha complici finanziari internazionali capaci di confiscare 270.000 milioni di dollari delle riserve del suo stesso paese.

· Un movimento sociale non mette le risorse della sua patria a disposizione di leaders e consorzi stranieri.

· Un movimento sociale non è mai appoggiato incondizionatamente dai monopoli mediatici e dalle multinazionali dell’informazione.

· Un movimento sociale non dispone di cameramen, scenografi, truccatori, attori, camerini e direttori per mettere in scena e filmare fraudolentemente in Qatar le vittorie che non ha ancora ottenuto.

· Un movimento sociale non distrugge né saccheggia le sedi diplomatiche di paesi amici.

· Un movimento sociale non uccide sistematicamente compatrioti che hanno la pelle scura, come fanno le forze del CNT.

· Un movimento sociale non è diretto da Berlusconi, Sarkozy, Cameron, Merkel e Rassmussen.

· Un movimento sociale non comincia le operazioni fondando una Banca Internazionale e una Compagnia multinazionale per devolvere le risorse della sua patria.

· Un movimento sociale non viene riconosciuto prematuramente come governo dalle potenze imperialiste senza neppure aver ottenuto il controllo del territorio.

Più facile che distinguere un’invasione della NATO da un movimento sociale è distinguere un babbeo da una canaglia. Un babbeo ignora i fatti sopra segnalati. Una canaglia li conosce e insiste che l’invasione della Libia è un movimento sociale.

da: cubadebate.cu, 10/10/2011
(traduzione di Daniela Trollio Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” Via Magenta 88, Sesto S.Giovanni)

Luis Britto Gracìa Scrittore, saggista e giornalista venezuelano.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Ultime notizie dell'autore «Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Sesto San Giovanni»

6475