il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Fiom e la Fiat

La Fiom e la Fiat

(29 Dicembre 2010) Enzo Apicella
La Cgil attacca la Fiom per essersi opposta al ricatto di Marchionne

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sabato 15 e 22 ottobre - Ancora scioperi sugli straordinari alla Sevel di Atessa,

“Marchionne non e’ il padrone della nostra vita”!!! Berlusconi non e’ il padrone d’italia 15/X a Roma, manifestazione nazionale, ore 14 P.zza Repubblica “facciamo pagare la crisi ai padroni “!!!

(13 Ottobre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it

La Fiat e il suo alfiere Marchionne lasciano la Confindustria, imponendo anche alle centinaia di aziende dell’indotto di adeguarsi, con l’intento dichiarato di fare a meno dei Contratti e di gran parte dei lavoratori, di avere mano libera nell’intensificazione dello sfruttamento, nella riduzione del costo del lavoro e del salario, nella cancellazione dei diritti sindacali e dello sciopero.

Al contempo in Fiat: 1) continua a latitare “il Piano Industriale”; 2) né si conosce quali e quante siano le produzioni-modelli nei vari stabilimenti Fiat, nel periodo 2012-2014; 3) a Pomigliano continua la CIG a zero ore, in presenza di soli 200 assunti ultra selezionati (nessuna iscrizione a Cobas, Fiom,...); 4) a Mirafiori, la CIG a zero ore è estesa a tutto il 2012 .

In Sevel, i Cobas proseguono la denuncia dell’illegalità Fiat nell’utilizzo dei sabati-domeniche (complici Fim-Uilm-Ugl e compari) ai fini produttivi, nella permanenza di sottoccupazione, precarietà e super ritmi di lavoro.

In Sevel, a fronte del mancato pagamento del premio di risultato, del rifiuto di assumere i precari in pianta stabile, della negazione dei diritti sindacali e la minaccia al diritto di sciopero, i Cobas sollecitano le altre OS non sottomesse alla Fiat ad attuare lo sciopero dei sabati-domeniche.

A dichiarare gli scioperi unitariamente a partire dai prossimi sabati 15-22 ottobre.

Il 15 ottobre, per dare a tutti la possibilità di partecipare a Roma alla grande manifestazione nazionale, in coincidenza con la mobilitazione mondiale di centinaia di milioni di lavoratori, famiglie, giovani, che protestano per non pagare gli effetti tragici e disastrosi della crisi, voluta e prodotta da banche, finanza e padroni.


IL COMANDO AI SABATI E DOMENICHE LAVORATIVI SONO UN SOPRUSO I SABATI E LE DOMENICHE PASSIAMOLI IN FAMIGLIA

SCIOPERIAMO

Sabato 15 Ottobre e Sabato 22 Ottobre

Cobas Lavoro Privato

7251