il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Lavoro. Chiesti 12 anni per a.d. Umbria Olii

(19 Ottobre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

Quattro morti, ora la richiesta di condanna a 12 anni di reclusione per l'ex amministratore delegato della Umbria Olii Giorgio del Papa avanzata dalla procura di Spoleto al termine della requisitoria nel processo all'imprenditore per l'incidente nel quale morirono quattro operai di una ditta esterna impegnati in alcuni lavori di manutenzione nello stabilimento di Campello sul Clitunno.

Del Papa è accusato di omicidio colposo plurimo e altri reati, fra cui il procurato incendio. La richiesta di condanna è stata avanzata dal procuratore capo Gianfranco Riggio al termine della requisitoria del pm Federica Albano davanti al giudice unico di Spoleto. I magistrati hanno chiesto per Del Papa anche un'ammenda di 600 euro per il mancato rispetto delle norme antinfortunistiche e il riversamento di rifiuti nell'ambiente circostante lo stabilimento, che raffinava soprattutto olio di sansa.

L'incidente si verificò sul piazzale dello stabilimento di Campello sul Clitunno. Durante i lavori per sistemare una passerella metallica alla sommità di uno dei silo ci fu un'esplosione, seguita da un violento incendio, che provocò la morte di tre operai e del titolare di una ditta di carpenteria di Narni: il titolare Maurizio Manili, di 43 anni, e gli operai Giuseppe Coletti, 43, Tullio Mottini, 46, e Vladimir Todhe, 44, quest'ultimo albanese. Unico sopravvissuto l'operaio impegnato alla gru.

Per il procuratore della Repubblica di Spoleto, Del Papa non merita alcuna attenuante, anche perché ha precedenti specifici.

In precedenza il pm Albano per circa tre ore aveva negato la validità delle tesi difensive, contestandole una ad una.

Tuttavia, al di là di prove e valutazioni tecniche, sono emerse nell'intervento del procuratore anche considerazioni sulla condotta dell'imputato e dei suoi difensori. "E' inammissibile anche sotto il profilo umano - ha detto Riggio - che si possa chiedere un risarcimento milionario alle famiglie delle vittime. Mi auguro che un simile esempio non venga seguito da nessun altro in episodi simili a questo: sarebbe come se un automobilista, dopo aver investito e ucciso un passante, chiedesse subito alla famiglia delle vittima i danni per riparare l'auto".

L'azienda aveva infatti chiesto ai familiari delle vittime e all'unico sopravvissuto un risarcimento di 35 milioni di euro, sostenendo che ci fosse stato un errore nell'uso della fiamma ossidrica utilizzata per i lavori. Istanza però respinta dalla magistratura spoletina.

Dopo le richieste della procura è stata la volta dei legali che rappresentano i parenti delle vittime come parti civili. Gli avvocati oltre a ribadire l'esigenza di una "condanna esemplare" hanno chiesto un risarcimenti che complessivamente si aggira sui cinque milioni di euro.

Venerdì la parola passerà alla difesa di Del Papa. La sentenza dovrebbe arrivare solo fra due-tre mesi.

19-10-11

DirittiDistorti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

5130