il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

4 Novembre

4 Novembre

(4 Novembre 2009) Enzo Apicella
91° anniversario della fine del Primo Macello Mondiale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Fallouja: l’inizio di una guerra globale “strada per strada”?

Il Pentagono, signore globale dei bassifondi

(22 Aprile 2004)

Il giovane Marine Americano è esultante. “È un sogno, il paradiso dei cecchini” lui dichiara ad un giornalista del Los Angeles Times nei sobborghi di Fallouja.
"Si può andare dovunque e vi sono molti modi per sparare al nemico, senza che lui possa individuare dove tu sei.”

"Qualche volta il fantoccio crolla a terra, e lo lascio un po’ ad urlare per distruggere il morale dei suoi compagnoni. Poi farò uso di un secondo colpo.”

"Far fuori un brutto fantoccio” lui spiega, “ti dà un’incomparabile scarica di adrenalina”. Lui si vanta di aver avuto “confermate 24 uccisioni” nella fase iniziale nel brutale assalto USA contro la città insorta di 300.000 persone.

A fronte dell’intransigente Resistenza popolare Irachena che fa ricordare l’eroica difesa Vietcong di Hue nel 1968, i Marines hanno scatenato il terrore indiscriminato. Secondo i giornalisti indipendenti e gli operatori medici del luogo, i militari hanno massacrato almeno duecento donne e bambini nelle prime due settimane di aggressione.

La battaglia di Fallouja, insieme ai conflitti contemporaneamente aperti contro le città Sciite e contro i sobborghi poveri di Baghdad, sono prove a scommessa alta, non tanto della politica USA in Iraq, ma della capacità di Washington di dominare quello che gli strateghi del Pentagono considerano “lo spazio chiave dello scontro del futuro”: le città del Terzo Mondo.

La catastrofe di Mogadiscio del 1993, quando le milizie delle zone vicine hanno inflitto il 60% delle perdite all’elite dell’esercito USA, i Rangers, ha costretto gli strateghi Statunitensi a ripensare quello che era noto in Pentagonese come MOUT: Militarized Operations on Urbanized Terrain. (Operazioni di Natura Militare su Terreno Urbanizzato).

Ultimamente, un Programma di Difesa Nazionale esaminato nel dicembre 1997, ha stigmatizzato l’Esercito che si dimostra non preparato al combattimento protratto nelle strade impraticabili, come labirinti, dei centri urbani poveri.

Come risultato, le quattro forze armate, coordinate dal Gruppo degli Staff Congiunti per l’Azione Urbana, hanno lanciato programmi di rottura per un addestramento approfondito alla guerriglia cittadina, sotto le condizioni reali da Terzo Mondo.
"Il futuro dei teatri di guerra,” così dichiara il giornale della Scuola di Guerra dell’Esercito, “risiede nelle strade, nelle fogne, negli edifici con tanti piani, e nelle aree urbane con distese disordinate di edifici che costituiscono le città disastrate del mondo.”

Consiglieri Israeliani sono stati tranquillamente portati ad insegnare ai Marines, ai Rangers e ai Seals della Marina, le tattiche “a regola d’arte”, in particolare sulla coordinazione specialistica dei cecchini e delle squadre di demolizione con mezzi blindati pesanti e con una copertura aerea schiacciante, come viene spietatamente messo in atto dalle Forze di Difesa di Israele, a Gaza e nella West Bank.

Strutture artificiali di zone urbanizzate ( complete di sistemi per la produzione di fumi e suoni ) sono state costruite per simulare le condizioni di combattimento in quartieri ad alta densità di popolazione di città come Baghdad o Port-au-Prince.
Il Laboratorio per il Combattimento Urbano del Corpo dei Marines ha anche messo in scena “giochi di guerra” realistici (“Guerriero Urbano”) ad Oakland e a Chicago, mentre il Comando per le Operazioni Speciali dell’Esercito “ha invaso” Pittsburgh.

Attualmente, molti dei Marines che combattono a Fallouja hanno frequentato “con profitto” queste esercitazioni da Guerriero Urbano, ed anche l’addestramento al combattimento simulato a 'Yodaville' (la Struttura per l’Addestramento al Combattimento Urbano, a Yuma, Arizona), mentre le unità dell’Esercito che stanno circondando Sadr City e Najaf sono allievi del nuovo simulatore MOUT di Fort Polk, Louisiana, costato 34 milioni di dollari$.

Questa “Israelizzazione” tattica della dottrina di combattimento degli USA è stata accompagnata da quella che può essere definita come una “Sharonizzazione' del punto di vista mondiale del Pentagono. I teorici militari prevedono la potenzialità in evoluzione del teatro di guerra ad alta tecnologia di bloccare, se non totalmente distruggere, le ribellioni croniche di natura “terroristica” radicate nella disperazione dei mega quartieri miserabili sempre più in espansione.

Per favorire lo sviluppo di una struttura geopolitica per il combattimento urbano, i pianificatori militari sono ritornati alla RAND Corporation degli anni Novanta: la vecchia “alma mater” del Dr.Stranamore!
La RAND, una centrale di consulenti nonprofit istituita dall’Air Force nel 1948, è stata tristemente famosa per la progettazione negli anni Cinquanta della guerra nucleare con possibili esiti apocalittici.

In questo periodo la RAND si occupa delle città, ad alto livello. I suoi ricercatori valutano le statistiche sul crimine urbano, sulla salute pubblica all’interno della città, e sulla privatizzazione dell’istruzione pubblica. Inoltre gestisce il Centro Arroyo dell’Esercito che ha pubblicato una piccola collana di recenti studi sul contesto e sui meccanismi del teatro di guerra nelle città.

Uno dei principali progetti RAND, iniziato nei primi anni Novanta, è stato lo studio importante sulle “variazioni prodotte dall’aumento demografico influenzeranno i futuri conflitti.” Il punto essenziale, la scoperta della RAND, è che l’urbanizzazione della povertà nel mondo ha prodotto “l’urbanizzazione della ribellione” (questo, infatti, è il titolo del loro rapporto).

"I ribelli stanno seguendo i loro partigiani all’interno delle città,” avverte la RAND, “costituendo “zone liberate” nelle baraccopoli delle città…Nessuna dottrina USA, nessun addestramento, nessun equipaggiamento è stato pensato ancora per la contro-ribellione urbana.” Come risultato, i bassifondi sono diventati l’anello più debole nella catena dell’Impero Americano.

I ricercatori RAND riflettono sull’esempio di El Salvador dove l’esercito locale, malgrado il massiccio appoggio USA, è stato incapace di fermare la guerriglia del FMLN dall’aprire un fronte urbano. Invece, “avessero pure i ribelli del Fronte di Liberazione Nazionale Farabundo Marti efficacemente operato all’interno delle città per l’insurrezione, bisogna discutere su quanto gli Stati Uniti potevano aver fatto per contribuire a mantenere ancora la situazione di stallo fra il governo e i rivoltosi.”

Più recentemente, un autorevole teorico dell’Air Force ha fatto le medesime puntualizzazioni nel Giornale della Forza Aerospaziale. “ La rapida urbanizzazione nei paesi in via di sviluppo, “ scrive il Capitano Troy Thomas in un articolo della primavera del 2002, “ determina un ambiente di campo di battaglia che è comprensibile in modo decrescente, relativamente alla sua non pianificazione sempre più crescente.”

Thomas mette in confronto i centri urbani, “gerarchicamente” moderni, le cui infrastrutture centralizzate sono facilmente demolibili da bombardamenti aerei (Belgrado) o da attacchi terroristici (Manhattan), con le baraccopoli periferiche del Terzo Mondo sempre in estensione, organizzate da “sottosistemi informali, decentralizzati,” dove “non esistono progetti, e i centri di potere nel sistema non sono facilmente riconoscibili.”

Utilizzando come esempio “il mare di miseria urbana” che circonda Karachi, Thomas dipinge la sconcertante provocazione del “combattimento asimmetrico” all’interno di terreni urbani “non-nodali, non-gerarchici” contro milizie “fondate sul clan” spinte dalla “disperazione e dalla rabbia”. Egli cita i bassifondi in allargamento di Lagos e di Kinshasa come altri campi di battaglia da incubo.

Comunque il Capitano Thomas (il cui articolo è provocatoriamente intitolato “Signori dei bassifondi: la potenza aerospaziale nei combattimenti urbani”), così come la RAND, confidano in modo sfacciato che i nuovi massicci investimenti del Pentagono nella tecnologia MOUT, Militarized Operations on Urbanized Terrain, (Operazioni di Natura Militare su Terreno Urbanizzato), e l’addestramento supereranno tutte le difficoltà che andranno riducendosi di un teatro di guerra nelle baraccopoli.
Inoltre, uno dei documenti di riferimento della RAND (Operazioni Aerospaziali in Ambientazioni Urbane) fornisce una utile tabella per calcolare il limite accettabile di “danni collaterali” ( alias bambini ammazzati) a seconda dei differenti vincoli e limiti operativi e politici.

Naturalmente, l’occupazione dell’Iraq è stata illustrata dagli ideologi di Bush come un “laboratorio di democrazia” nel Medio Oriente. D’altro canto, per i depravati del MOUT è un laboratorio di diverso tipo, dove i cecchini Marines e i piloti dell’Air Force provano sul campo le nuove tecniche di ammazzamento in una guerra mondiale emergente contro i poveri delle città.


Il sito promotore Tomsdispatch -Tomeditor@aol.com è gestito da Tom Engelhardt, un attivista ed editore con sede a New York, ed è sponsorizzato dalla “Nation”.

mike davis/alessandra moctezuma
1331 33rd St
San Diego CA 92102

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...»

Ultime notizie dell'autore «Curzio Bettio (Soccorso Popolare di Padova)»

7843