il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • VOI G20, NOI IL FUTURO
    (27 Ottobre 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Di lavoro si muore)

    ThyssenKrupp. Per un lavoro utile, dignitoso e in sicurezza per tutti

    (16 Novembre 2011)

    Inoltriamo questa interessante intervista del Procuratore di Torino Raffaele Guariniello (http://www.agi.it/news/notizie/201111151421-cro-rt10194-thyssen_guariniello_sentenza_eccezionale) in merito alle motivazioni della sentenza sulla strage all’acciaieria ThyssenKrupp.

    Come afferma il Dott. Guariniello, e non possiamo che essere d’accordo, “preziosa è stata la partecipazione popolare nell’amministrazione della giustizia”, così come altrettanto lo è stata la mobilitazione popolare dentro e fuori dall’aula, sostenuta da familiari, operai e cittadini solidali, decisivi nel creare un meccanismo di identificazione solidale con la giuria, anch’essa “popolare”, e quindi ottenere questo importante risultato.
    Prova che solo con il protagonismo, la mobilitazione e la partecipazione popolare possiamo affermare i diritti sanciti dalla nostra Costituzione: questo risulta dalla nostra esperienza diretta, nel processo e per la ancora irrisolta “questione lavoro” per gli ultimi ex operai ThyssenKrupp ancora in mobilità.

    Per quanto riguarda la ricollocazione lavorativa ancora nulla di fatto nonostante incontri, telefonate, promesse e rassicurazioni da parte del Sindaco P. Fassino e dei suoi collaboratori.

    Siamo stanchi di promesse: vogliamo, così come per altre migliaia di persone nella nostra stessa situazione a Torino, non “elemosine” sociali ma un posto di lavoro sicuro e dignitoso in una città in cui non mancano certo le occasioni per creare posti di lavoro: potenziando e prolungando il trasporto pubblico, la pulizia della città, del verde pubblico e degli alvei di fiumi e torrenti (e questo vale per tutta l’Italia, dopo le stragi annunciate in Liguria e in Toscana dei giorni scorsi), prolungando l’orario dei musei, valorizzando le bellezze artistiche della nostra città, impedendo alle aziende di chiudere favorendo piuttosto la riconversione ad altre produzioni utili e non inquinanti, risanando luoghi ed edifici fatiscenti dalle nocività per adibirli a scopi abitativi o di utilità sociale, anziché disfarsene per pochi soldi a scapito dei soliti speculatori.

    Il lavoro da fare non manca: è quindi una questione di volontà politica!

    Nei prossimi mesi il Comune di Torino deciderà della destinazione d’uso della ex area di proprietà della multinazionale tedesca (pagata per altro svariati milioni di euro dal Comune), attraverso la variante 221, che prevede, tra gli altri: l’insediamento di un deposito della GTT (centinaia di pullman di fronte al parco della Pellerina, dall’impatto ambientale decisamente discutibile) e un parco “alla memoria” della strage ThyssenKrupp, ricordando cioè il lavoro nella sua accezione più negativa. Meglio sarebbe invece quella di riqualificare l’area e ridare dignità al lavoro attraverso un piano, per es., di re-insediamento di piccole imprese, piccoli laboratori e botteghe artigiane o di servizi, necessari ai cittadini e che creino quindi posti di lavoro in sicurezza: il modo migliore per ricordare Antonio, Bruno, Roberto, Angelo, Rocco, Rosario e Giuseppe.

    Un lavoro utile, dignitoso e in sicurezza per tutti.

    Torino, 15 novembre 2011

    Ass. Legami d’Acciaio onlus

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

    Ultime notizie dell'autore «Associazione Legami d’Acciaio»

    7808