il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mercenari di Berlusconi

Mercenari di Berlusconi

(28 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi difende la scuola cattolica contro quella pubblica che subirebbe l'influenza deleteria di ideologie che non rispettano la verità

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

17 novembre: non ci sono zone rosse, non abbiamo governi amici!

(17 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.caunapoli.org

17 novembre: non ci sono zone rosse, non abbiamo governi amici!

foto: www.caunapoli.org

alcune istantanne della giornata Oggi 17 novembre migliai di studenti medi, studenti universitari e lavoratori più o meno precari hanno sfilato per le strade di Napoli contro i tagli e le manovre varate dal governo appena caduto e contro il governo della BCE rappresentato da Mario Monti e dai suoi "tecnici".

Gli studenti in piazza non hanno solo protestato contro le riforme che stanno distruggendo il sistema formativo e cancellando il diritto allo studio, ma anche contro le politiche economiche di questi anni che hanno avuto come unico risultato quello di togliere diritti, impoverire ampie fasce della popolazione, tagliare migliaia di posti di lavoro. Politiche che il Governo Monti è lì per applicare ancora più duramente. Per questo in piazza abbiamo portato striscioni e messaggi di solidarietà ai lavoratori delle aziende che stanno chiudendo, scritte con i dati e le cifre di questa crisi, per questo un lancio di uova è stato fatto verso l'Adecco, un'agenzia interinale simbolo del nuovo caporalato legalizzato.

Forte è stato anche il no al corteo dei fascisti di Casa Pound che si dovrebbe tenere a Napoli il 26 novembre, ribadendo che le scuole, le facoltà e tutta la città è antifascista e ripudia il razzismo, il fascismo e il sessismo. Anche nelle sue forme istituzionali: è inaccettabile che ieri diversi esponenti dei disoccupati si siano visti le sedi perquisite, e comminate denunce per "associazione a delinquere", quando tutta la loro colpa è pretendere un diritto: il lavoro!

Dopo aver proseguito per il percorso autorizzato il corteo intero ha violato la zona rossa più e più volte imposto nella zone di Santa Lucia e della Regione, continuando ad occupare per ore le strade di napoli.

Tutto questo per affermare che questa crisi non la vogliamo pagare, né come studenti né come lavoratori, e che è giunto il momento che la paghi chi ha da sempre speculato sulla nostra pelle.

Uniamo le lotte!
Non abbiamo governi amici, che li facciano loro i sacrifici!
Eat the rich - Magnammec' o' padron'!

Collettivo Autorganizzato Universitario – Napoli

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «Collettivo Autorganizzato Universitario – Napoli»

5270