il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Aiuto!

Aiuto!

(2 Maggio 2012) Enzo Apicella
A Torino contestato Piero Fassino al corteo del primo maggio. La polizia interviene con una carica pesante e immotivata.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Assolto Bruno Bellomonte!

(22 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it

Bruno Bellomonte

Stasera, dopo due anni e cinque mesi di carcerazione preventiva, vissuti nel carcere di massima sicurezza di Catanzaro, la Corte d’Assise di Roma ha emesso nei confronti di BRUNO BELLOMONTE una sentenza di ASSOLUZIONE!!!

Viene così smontato il teorema accusatorio che contestava a Bruno di preparare "qualcosa di grosso" per il G8 de La Maddalena. L'accusa si è basata esclusivamente su una indecifrabile intercettazione, fatta in un ristorante romano, da cui si è desunta l'incredibile "intenzione" di attaccare il G8 con aeromodelli e per la quale i PM avevano richiesto, nei confronti di Bruno, dieci anni e sette mesi di reclusione.

E’ d’obbligo ricordare in questo felice momento Luigi Fallico, il quale è morto, all'età di 57 anni il 23 maggio scorso, da incensurato, per uno stato ipertensivo trascurato dalla direzione carceraria nonostante diversi episodi di attacchi cardiaci. Luigi era coimputato assieme a Bruno per le stesse fantasiose interpretazioni desunte dai loro dialoghi in un ristorante romano.

Ricordiamo anche che Bruno, ferroviere - capostazione -, è stato vergognosamente licenziato da trenitalia oltre un anno fa per assenza dal posto di lavoro (incredibile!!!!), é secondo tale società (ed i loro fini giuristi), che dipende dallo stato italiano, essere privati coattivamente della libertà personale è equivalente all’assenza arbitraria dal posto di lavoro.

Concludo, quindi, il sesto giorno di sciopero della fame iniziato per solidarietà nei confronti di Bruno e della sua famiglia ed a nome dei COBAS e di tutte/i coloro che si sono battuti in questi lunghissimi 29 mesi per la sua liberazione esprimiamo l’immensa felicità per la riacquistata libertà.
Vi sarà tempo per discutere della ferocia con la quale vengono trattati da questo Stato coloro che rivendicano alterità e diversità o, come in questo caso, l’indipendentismo della propria terra.


CS COBAS - ASSOLTO Bruno Bellomonte.pdf 31,66 k

per i COBAS della Sardegna Nicola Giua

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

5167