il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il tetto del debito

Debito USA

(29 Luglio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Il Comune di Milano taglia quindici sezioni nelle materne: "Calo delle nascite, sempre meno iscritti” dicono al Comune….ma sarà vero?
    Anche la situazione a ROMA CAPITALE, nel settore educativo-scolastico, ha delle criticità…
    (1 Luglio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Dispositivo finale dell’assemblea cittadina del Comitato No Debito di Roma

    (24 Novembre 2011)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.comunistiuniti.it

    Dispositivo finale dell’assemblea cittadina del Comitato No Debito di Roma

    foto: www.comunistiuniti.it

    I circa 200 partecipanti riuniti nell’assemblea del 23 novembre presso il dipartimento di Fisica della Sapienza a Roma chiamano tutte e tutti coloro che sono intenzionati a rifiutare i diktat della Banca Centrale Europea, della finanza internazionale, delle multinazionali e del grande padronato, a un rilancio delle mobilitazioni per costruire una reale opposizione politica e sociale nel paese al nuovo governo Monti e nella città alla giunta del sindaco Alemanno. Il governo Berlusconi è caduto per lo sgretolamento della sua credibilità tra i poteri forti e del consenso popolare nel paese. Berlusconi però è stato sostituito da un governo che, con Napolitano come garante e con il sostegno dell’intero arco parlamentare, ha adottato come suo programma la lettera ed i diktat programmatici della BCE. Un programma economico di ristrutturazione selvaggia che, in nome del pagamento del debito e della crisi da parte dei ceti subalterni, si propone di tagliare pensioni, stato sociale e diritti, di ridurre il salario legandolo strettamente alla produttività, di privatizzare e svendere i beni comuni, di precarizzare ulteriormente la vita e cancellare il presente ed il futuro di milioni di giovani, tramite tagli alla scuola, all’università e alla ricerca pubblica. Per applicare queste ricette la troika BCE-UE-FMI sta facendo passare l’idea della necessità di un’economia di guerra, che congeli tutti gli spazi di democrazia residua nei paesi sottoposti agli attacchi speculativi in questo periodo (Grecia ed Italia in primis). Diciamo subito che noi non siamo disposti a barattare ciò che resta della democrazia e dei diritti in cambio di eventuali misure di una presunta “equità” dei sacrifici. Le risorse devono essere sottratte alla speculazione delle banche, ai favori alle imprese, all’evasione fiscale, agli investimenti militari, alle devastazioni ambientali e in generale ai profitti. Contemporaneamente devono essere destinate a salari, reddito, welfare e diritti. L’appoggio unanime del parlamento a questo governo dimostra che oggi un vero cambiamento sociale fondato sull’eguaglianza, sulla giustizia e la democrazia non può realizzarsi né con il centrodestra, né con il centrosinistra, perché entrambi adottano come riferimenti immodificabili le politiche liberiste della Bce e del Fondo Monetario Internazionale.

    Dobbiamo fermarli noi, perché nessuno lo farà al nostro posto!

    VOGLIAMO ESSERE NOI A DECIDERE SUL NOSTRO FUTURO.

    Siamo di fronte a un’emergenza democratica perché chi continua ad arricchirsi e speculare non vuole rischiare in nessun modo un confronto politico pubblico. Dare la parola al paese reale che paga già da tempo i costi di questo modello economico fallimentare significherebbe per loro andare incontro a sonore bocciature.

    Quindi rivendichiamo di poter prendere la parola, anche attraverso un referendum, per poter dire no ai vincoli della finanza internazionale e della Banca centrale europea.

    CONTRO LE POLITICHE DI ALEMANNO Queste politiche di austerity e sacrifici sono in perfetta sintonia con le misure applicate dalla Giunta Alemanno nella città di Roma. Una città che dietro le vetrine mediatiche di questa giunta inefficiente e reazionaria nasconde uno spaccato sociale drammatico. In un comune ai primi posti nel paese per cassintegrazioni e crisi aziendali, la precarietà del lavoro dilaga tanto nel settore privato quanto nella pubblica amministrazione, ormai totalmente in mano alle esternalizzazioni. Il welfare è inesistente, assistiamo a tagli e privatizzazioni dei servizi a fronte di aumenti delle tariffe, decine di migliaia di persone hanno il problema della casa, abbiamo cifre impressionanti di lavoro nero e sottopagato per migranti e non solo, vengono portate avanti cementificazione e devastazioni ambientali, svendita del patrimonio pubblico. Questo ora avviene con il provvedimento su Roma Capitale, uno strumento con cui il governo Monti intende rafforzare Alemanno e la rendita speculativa nel disegno della città. Come se non bastasse, il sindaco Alemanno, per contenere il conflitto e dividere il tessuto sociale, soffia pericolosamente sul fuoco di odi razziali e applica misure antidemocratiche con sgomberi, divieti di manifestare e limitazione degli spazi di democrazia e dissenso. Di fronte a tutto questo vogliamo aprire un confronto pubblico e proporre livelli di iniziativa comune con tutti i movimenti e le forze sociali e politiche sane della città, rivendicando la nascita di spazi pubblici nuovi e alternativi. Siamo in credito, per questo intendiamo costruire una campagna “Io l’aumento non lo pago” contro il rincaro delle tariffe nel trasporto pubblico. Dobbiamo inoltre pensare entro il mese di dicembre tutti insieme a una grande mobilitazione cittadina che faccia sentire al sindaco Alemanno la pressione di un’opposizione vera contro le sue politiche sociali e repressive. Proponiamo a tutte e tutti di sostenere una campagna comune basata su:

    - non pagare il debito, far pagare la crisi alle banche, ai monopoli, alla finanza internazionale e ai grandi patrimoni

    - no alle spese militari e a tutte le spese di guerra

    - giustizia per il mondo del lavoro, diritti per tutte e tutti, no alla flessibilità e alla precarietà

    - difesa dell’istruzione e della ricerca pubblica e del diritto allo studio

    - beni comuni come alternativa alle privatizzazioni e al mercato selvaggio

    - una democrazia reale in alternativa ai governi autoritari e alla tecnocrazia imposta dalla Bce

    - lottare contro le politiche repressive, i tagli, le privatizzazioni e la negazione del diritto all’abitare della giunta Alemanno

    INIZIATIVE & PROPOSTE

    1. Assemblea nazionale a Roma il 17 dicembre “Noi. No debito”

    2. Partecipazione alla manifestazione nazionale dell’acqua il 26 novembre con uno spezzone nazionale “No Debito”

    3. Sostegno alle lotte dei lavoratori, dei precari e degli studenti a Roma

    4. Lotta contro l’aumento del costo dei trasporti

    5. Sostegno alla campagna per l’autoriduzione delle tariffe dell’acqua

    6. Sostegno alle lotte contro il piano-rifiuti nel Lazio, in difesa dei beni comuni e contro le devastazioni ambientali

    7. Percorso verso un referendum contro i vincoli europei

    8. Manifestazione cittadina contro Alemanno e le sue politiche

    PROSSIMO APPUNTAMENTO Comitato Romano No Debito:

    Ven. 2 dicembre, h 17:30 in Via Giolitti 231

    COMITATO "NO DEBITO" - ROMA

    Comunisti Uniti

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

    Ultime notizie dell'autore «Comunisti Uniti»

    5937