il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Favoloso F35

Favoloso F35

(13 Dicembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

  • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
    Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Chi ha creato ed alimentato debito pubblico “a babbo”?

Gli stipendi del pubblico impiego o gli “interessi” pagati ai nullafacenti, cosiddetti “investitori”, anche ma non solo banche?

(25 Novembre 2011)

Ecco la risposta da Banca Italia:

stipendi statali e interessi

E vorrebbero farci credere che noi avremmo vissuto “al di sopra dei nostri mezzi”!!!??? Oltretutto la Banca d'Italia non distingue tra stipendi di chi lavora producendo servizi e chi lo stipendio se lo pappa a sbafo facendo parte delle ben note clientele degli altrettanto ben noti partiti parlamentaristici, nessuno escluso! E senza contare che questi servizi sono in maggior parte utili solo ai soliti industrial-finanzieri, ai loro interessi, spacciati per “collettivi”. Dunque la Banca d'Italia stessa ci ricorda, comunque, che il debito pubblico, quindi il deficit, è stato la mangiatoia di borghesi grandi e piccoli, che con la scusa del “pubblico” hanno prestato a strozzo evitando accuratamente di lavorare, dirottando risorse da salari stipendi verso le loro tasche.

Dunque, governo ecc., non parlino di “equità” dichiarando di far pagare “non solo” noi, ci mancherebbe pure che ammettessero che a pagare saremo “solo” noi visto che gli interessi, che si beccano loro, li paghiamo sin dal lontano 1975. Dal 1975 !!!!!! Dunque anche i presunti “oppositori” del “nuovo” governo non diano colpe all'euro (neanche esisteva), alla Francia od alla Germania i cui lavoratori sono alle prese con i loro “Monti” e le loro “Marcegaglia”. Non rivendichino una perduta “sovranità monetaria italiana”, perché quando c'era, grazie ad una Banca d'Italia controllata dallo Stato, serviva solo a foraggiare il parassitismo finanziario (vedi grafico). Tanto meno rivendichino “sovranità monetarie europee” buone solo a tranquillizzare gli incassatori dei menzionati interessi con un più sicuro debito pubblico “europeo” e a tentare di far dimenticare a chi lavora che vive solo del suo lavoro e non di fantasie monetarie.

Abbiamo solo uno stipendio, difendiamolo!!!
Ogni risorsa a chi non ha neanche più uno, ai disoccupati!!!

Sin. Base

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

Ultime notizie dell'autore «Sin.Base - sindacato di base - Genova»

8837