il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Acqua

Acqua

(18 Novembre 2009) Enzo Apicella
Il senato approva la privatizzazione dell'acqua.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Per il rispetto dei referendum, i beni comuni, un’uscita alternativa dalla crisi

I cobas domani a roma (piazza repubblica ore 14) con i comitati per l’acqua pubblica

(25 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it

I cobas domani a roma (p.repubblica ore 14) con i comitati per l’acqua pubblica

foto: www.cobas.it

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua ha indetto e organizzato per domani 26 novembre una manifestazione nazionale a Roma (P.della Repubblica ore 14) per la difesa dell’acqua pubblica, per la sua completa ri-pubblicizzazione, contro la privatizzazione degli altri servizi locali e nazionali, per il rispetto dell’esito referendario e la democrazia, per i beni comuni, per un’uscita alternativa dalla crisi. Il 13 giugno, con un voto plebiscitario al 95,8%, 27 milioni di italiani/e si sono pronunciati a favore dell’acqua pubblica, tolta dalle mani dei privati e dalle logiche del profitto, ed hanno votato anche contro la privatizzazione degli altri servizi pubblici locali. Tale voto è stato totalmente disatteso: tra le norme abrogate dai referendum c’era anche quella che prevedeva “la remunerazione del capitale investito” nelle bollette, fissata al 7% ma in molte realtà abbondantemente oltre il 10% e fino al 20%: ebbene, la cancellazione di quel 7%, e la riduzione conseguente delle bollette, non è avvenuta in nessun luogo. Inoltre in molti Comuni e Regioni gli amministratori (di centrodestra e centrosinistra) continuano a cedere la gestione dell’acqua a società private, mentre prosegue l’opera di privatizzazione dei servizi pubblici nei trasporti urbani (in prima fila il “campione” fiorentino del centrosinistra Renzi) e nella raccolta rifiuti. Di conseguenza, oltre al corteo di domani, il Forum per l’acqua ha promosso una campagna di “obbedienza civile” per l’autoriduzione del 7% sulla bolletta (obbedendo al voto referendario) e perché venga data applicazione alla Legge di iniziativa popolare (con 400 mila firme) che richiede la totale ri-pubblicizzazione del servizio idrico nazionale.

I COBAS, che fanno parte fin dall’inizio del Forum, parteciperanno con delegazioni da varie città al corteo di domani, condividendone totalmente le ragioni e sottolineando come il governo Monti sia intenzionato ad andare in direzione opposta al voto referendario, tramite ulteriori privatizzazioni dei servizi pubblici locali e nazionali, per rendere tutti i beni comuni fonti di profitto per il capitale privato e di Stato. Con lo sciopero generale del 17 novembre e nelle piazze con gli studenti, abbiamo sfiduciato a tempo di record il nuovo governo che, oltre alle citate privatizzazioni, vuole continuare a far pagare la crisi a chi l’ha sempre pagata, ai settori più svantaggiati e indifesi della società, imponendo la libertà totale di licenziare nel privato e nel pubblico, l’eliminazione delle pensioni di anzianità e del sistema retributivo, la svendita del patrimonio naturale e artistico e le distruttive Grandi Opere, la re-introduzione dell’ICI sulla prima casa, confermando per il Pubblico Impiego il blocco dei contratti fino al 2014 e per la scuola anche degli scatti di anzianità.

LA CRISI E IL DEBITO VANNO PAGATI DA CHI LI HA PROVOCATI E DA CHI CI SI ARRICCHISCE.

Il governo Monti, che di “tecnico” non ha nulla vivendo del sostegno tutto politico del PDL, PD, Terzo Polo e IdV, con i quali contratterà ogni decisione, non intende invece far pagare la crisi a chi l’ha provocata e a chi ci si arricchisce. Con una seria patrimoniale, recuperando gran parte della evasione fiscale, riducendo drasticamente la corruzione nelle strutture pubbliche, eliminando le “pensioni d’oro”, cancellando le missioni di guerra e tagliando le spese militari avremmo centinaia di miliardi annui non solo per aggiustare il bilancio ma per salari e pensioni adeguati, investimenti nell’istruzione e nella sanità, nei servizi sociali, nella tutela del patrimonio naturale ed artistico; per porre fine alla precarietà e garantire un reddito minimo per tutti/e.

ACQUA BENE COMUNE, AUTORIDUZIONE, PUBBLICIZZAZIONE.

25 novembre 2011

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Acqua bene comune»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

6082