il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il tetto del debito

Debito USA

(29 Luglio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Il Comune di Milano taglia quindici sezioni nelle materne: "Calo delle nascite, sempre meno iscritti” dicono al Comune….ma sarà vero?
    Anche la situazione a ROMA CAPITALE, nel settore educativo-scolastico, ha delle criticità…
    (1 Luglio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Non paghiamo i debiti di ATAC e ACEA!

    Siamo in credito di diritti e servizi!

    (4 Dicembre 2011)

    Appuntamento Martedì 6 Dicembre h.15 Metro Piramide.

    Mobilitiamoci contro ATAC e ACEA. No all'aumento del biglietto a 1,50€! No al 18% delle bollette dell'acqua in mano ai privati!

    VAI ALL'EVENTO FACEBOOK

    In questi turbolenti mesi stiamo assistendo allo spettacolo più cupo che potessimo aspettarci. I governi di tutto il mondo rispondono alla crisi con le stesse misure che l'hanno causata: privatizzazioni, tagli di posti di lavoro e di salari, riduzione ai minimi termini dei servizi pubblici in ogni settore e aumenti delle tariffe.
    Gli studenti e le studentesse, i movimenti dei lavoratori, chi lotta per la casa e per il diritto di soggiorno, i comitati per le lotte ambientali, lottano da mesi contro tutto questo: il debito che condiziona le politiche economiche di tutto il mondo non è nostro, appartiene a banche e imprese che da anni fanno profitti sulle nostre vite!

    A giugno in 27 milioni lo abbiamo ribadito con il voto referendario, dichiarando che l'acqua è un bene comune e che non tolleriamo che sia fonte di profitto per pochi. Il risultato del referendum sta venendo ampiamente ignorato dalla aziende come Acea, che stanno conservando alti i loro profitti sulle nostre bollette: fino al 20% di quello che paghiamo va nelle tasche dei soliti speculatori!
    Lo scempio sociale riguarda anche i servizi pubblici di questa città: la società dei trasporti Atac sta subendo un processo di ristrutturazione e privatizzazione che comporta la svendita degli immobili ai soliti palazzinari, tagli al personale e agli stipendi dei lavoratori e delle lavoratrici e aumenti delle tariffe per tutti e tutte le utenti, che porteranno a 1,50€ il prezzo del biglietto. Un prezzo che decisamente non vale il servizio offerto.
    Il diritto alla mobilità in una delle città più grandi d'Europa è così seriamente messo a rischio in nome del profitto.

    Martedì 6 dicembre lanciamo un appello per una mobilitazione contro ATAC e ACEA a tutti i comitati, i collettivi, i movimenti e i cittadini e le cittadine che da anni lottano contro il pagamento di una crisi che non abbiamo creato ma che ci vogliono far pagare a tutti costi. Non abbiamo nessuna fiducia nel governo di tecnocrati nominato dalla Banca Centrale Europea il cui primo provvedimento è stato sovvenzionare la Roma Capitale di Alemanno e incentivare così la svendita di una città che, da bene comune di tutti e tutte noi, è sempre più fonte di profitto per il solito intollerabile 1% di ricchi imprenditori e speculatori.
    Siamo in credito di diritti, servizi, reddito e salari, non pagheremo noi il debito di Atac e Acea.
    Noi gli aumenti non li paghiamo!

    Siamo il 99% e #siamoincredito

    Student* e precar* in credito

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Appuntamenti sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo»

    3501