il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Dignità operaia

Dignità operaia

(9 Marzo 2012) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale dei metalmeccanici convocato dalla Fiom e manifestazione nazionale a Roma

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Ferrovieri treni notte su torre a Milano. A Torino bloccati i Frecciarossa

(9 Dicembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

Proseguirà "a oltranza" la protesta dei lavoratori notturni dei treni alla Stazione Centrale di Milano: dalla scorsa notte, alle 2.30, tre ferrovieri sono saliti su una torre-faro alta una cinquantina di metri all'esterno della tettoia che copre i convogli, mentre analoghe iniziative – come spiegano i sindacati – sono state messe in atto a Roma e Torino.

Ora una cinquantina di persone sta allestendo una sorta di tendopoli su una pensilina vicina e ci si sta organizzando per passare la notte e garantire i turni anche sopra la torre dove è stato srotolato un enorme striscione con la scritta “Italia sei piu' divisa senza i treni notte. No ai licenziamenti”. L'iniziativa nasce per denunciare che circa 1.000 persone perderanno il posto di lavoro a partire dalla mezzanotte di domani quando, l'11 dicembre, entrerà in vigore il nuovo orario delle Fs che riduce i collegamenti notturni e "spezza in due l'Italia obbligando le persone a usare i Frecciarossa al doppio del prezzo". In particolare 800 sono i dipendenti dell'indotto delle Fs che lavorano alla Servirail (la ex Wagons-Lits) per i collegamenti nazionali, alla Wasteels che cura i viaggi internazionali e alla Rsi impegnati nella manutenzione. A questi se ne aggiungono altri circa 200 che si occupano delle pulizie. "I licenziamenti vanno subito ritirati dall'ad Moretti – ha affermato Angelo Mazzeo della Filt-Cgil -. Lo Stato deve però garantire i finanziamenti per questi treni che garantiscono il servizio 'universale' e per questo motivo ci rivolgiamo al governo Monti. Si taglia l'Italia in due. Scompare il servizio sul versante adriatico e dappertutto. Al signor Moretti diciamo che non si può puntare tutto sull'Alta Velocità che costa il 50% in più dei treni notte. E' anche un problema sociale".

A Torino i lavoratori Wagon Lits hanno occupato i binari da cui partono i Frecciarossa.

9-12-12

DirittiDistorti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Per un trasporto senza classi»

Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

7638