il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

I furbetti del quartetto

I furbetti del quartetto

(25 Settembre 2011) Enzo Apicella
Usa, Russia, UE e Onu cercano di rinviare la richiesta di riconoscimento della Palestina alla fine dei "negoziati di pace".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Sul vertice UE

(4 Gennaio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in it.kke.gr

L'accordo dell'Eurogruppo (UE a 17) per un quadro di piu severo controllo della disciplina fiscale non costituisce un rafforzamento ne dell'Euro o dell'Eurogruppo ne tantomeno della UE.

E stato raggiunto un fragile compromesso dove dominano gli interessi e la volonta della Germania, che non consentira certamente di attenuare le contraddizioni, ne di superare le ineguaglianze ne tantomeno affrontera la crisi economica. In ogni caso, l'adesione alla rigorosa gestione fiscale e contestata anche all'interno della Germania.

L'unificazione del mercato europeo nel quadro della UE del 1991 e del 2000 appartiene al passato. I partiti comunisti e operai o le forze al loro interno, che si erano arrese alla "inevitabilita" della UE, dovrebbero ora combatterne il suo carattere imperialista, dovrebbero chiamare il movimento popolare-operaio a rompere completamente con l'UE, indipendentemente dal fatto che operino in un paese appartenente al nucleo dominante della UE o in uno dei paesi che si trova in una orbita piu o meno lontana da esso.
Il movimento popolare in Grecia e in ogni stato membro della UE non deve essere intrappolato in attesa dello sviluppo delle contraddizioni tra i governi borghesi e le varie sezioni del grande capitale, ma deve imporre la sua impronta sugli sviluppi. Deve marciare verso il disimpegno dall'Unione europea con il potere popolare dei lavoratori.

Ora che sta diventando sempre piu evidente che l'Unione europea e il guardiano del potere e dei profitti dei monopoli, ora che le forze centrifughe si stanno rafforzando, indebolendo la predatoria alleanza imperialista, e particolarmente importante che sia sconfitta la linea opportunista che si appella a una ricerca utopica di un nuova "architettura a favore del popolo" dell'UE. Questa linea porta al disarmo del movimento popolare. L'UE e il capitalismo non possono essere umanizzati.
Gli operai, gli strati popolari, devono riflettere attentamente e riuscire a individuare le forze politiche che hanno detto la verita e quelle che hanno cercato di ingannarli per tutto il periodo precedente.

Il KKE, gia dal primo memorandum, ha evidenziato il carattere antioperaio e antipopolare dei Memorandum-Trattati di ogni governo greco con l'UE, il FMI e i cartelli del capitale finanziario internazionale per la ristrutturazione o la rinegoziazione del debito pubblico greco.

Tutti i protocolli e le loro revisioni sono una progressione pianificata della bancarotta economica del popolo, con l'obiettivo di un deprezzamento limitato per il capitale dei vecchi creditori dello stato greco da una parte e la mancata attivazione del "Credit Default Swaps", con conseguenti profitti per le aziende che avevano scommesso su un fallimento greco.
La verifica e le discussioni del governo con la Troika concernenti l'adeguamento dell'economia greca alle nuove e piu severe esigenze di disciplina fiscale nell'ambito dell'eurozona, sulla base dei recenti risultati dell'Eurogruppo, comportano nuovi e insopportabili oneri per il popolo. Si tratta di un nuovo tsunami di misure antioperaie coniugato a un sistema fiscale predatorio del popolo. Il nuovo pacchetto antipopolare include: riduzioni del salario minimo, dei salari nelle ex imprese di stato, delle gratifiche stagionali nelle aziende private, delle pensioni complementari e TFR, dei contributi del datore di lavoro ai fondi di previdenza sociale, della permanenza della tassa di proprieta e altri oneri fiscali. I controlli fiscali per l'abbattimento dell'evasione fiscale dei redditi piu alti e solo uno specchietto per le allodole, mentre l'intenzione di ridurre ulteriormente la tassazione degli utili aziendali e estremamente chiara.

L'adattamento dell'economia greca al nuovo quadro fiscale della eurozona e, quindi, profondamente antipopolare e non portera una soluzione alla contrazione della produzione industriale o dell'attivita economica nel suo complesso, cioe verso l'uscita dalla crisi, ne alla riduzione del debito pubblico.

E la stessa ricetta del FMI e della Banca Mondiale adottata per la crisi in Argentina, dove la dichiarazione obbligatoria del fallimento per i creditori e nata dopo che miseria e la disoccupazione erano arrivate alle porte di una crisi politica pericolosa per il potere capitalista.

Sia il capitale nazionale che il suo potere politico cosi come i suoi alleati internazionali imperialisti non sono mai stati interessati ai bisogni piu elementari dei lavoratori e del popolo ma alla manipolazione della classe operaia e delle forze popolari. Le differenze tra le sezioni del capitale, nazionale o straniero, sono complementari e legate all'obiettivo di salvaguardare il maggior profitto possibile e manipolare la coscienza della classe operaia.

La sezione del capitale, nazionale ed estera, che oggi sostiene il ritorno della Grecia a una moneta nazionale, legata al dollaro o alla sterlina britannica, non e in alcun caso interessata ad abolire le misure antioperaie e antipopolari incluse nel memorandum dai governi greci con l'UE e il FMI o attuate dai governi greci avendo come pretesto il memorandum e con la minaccia dello spettro del mancato pagamento delle rate.

Viene nascosto al popolo greco che la valuta dell'Argentina non era legata all'euro, ma al dollaro, mentre piu tardi il suo relativo disimpegno non ha posto un freno alla poverta e alla disoccupazione.

Per questa ragione le rivendicazioni e le lotte della classe operaia e popolare in Grecia non devono limitarsi al rovesciamento del governo odierno, ma devono essere indirizzate alla lotta che creera le condizioni sociali e politiche per il rovesciamento del potere del capitale, dei monopoli, per la presa del potere popolare della classe operaia. Per questo motivo e importante che il contrattacco popolare si svolga in modo che il grande capitale paghi per la crisi e in modo che l'equilibrio delle forze cambi a spese dei servi politici dell'UE e della classe dominante.
Non e vero che questa lotta sara condotta in una regione, in un mondo internazionalizzato, dove dominano solo i forti interessi capitalistici e la minaccia della violenza del suo potere.

Non e vero che per la ragione di cui sopra la lotta per il potere popolare della classe operaia in Grecia e condannato ad un vicolo cieco.
La verita e che le stesse contraddizioni, le stesse difficolta nell'esercizio del potere borghese, le tristi prospettive per il lavoro, il reddito e il tenore di vita, esistono per la classe operaia, gli impiegati e gli altri strati popolari, in molti altri paesi d'Europa e altri continenti, dalla vicina Italia alla lontana Australia, dall'Irlanda al Medio Oriente.
Ancor di piu quando la concorrenza capitalista nella regione del Mediterraneo orientale-Medio Oriente sta sempre piu assumendo la forma di una guerra per il controllo del mercato delle materie prime e delle vie di trasporto.
Il futuro dei popoli europei, della classe operaia e del ceto medio, si trova lungo la linea di rottura con i cartelli imperialisti, in una linea di solidarieta con ogni alleanza della classe operaia e popolare per il rovesciamento del potere borghese, in paesi con economia capitalista piu forte o piu debole, in stati capitalisti con una posizione superiore o inferiore nella piramide imperialista.

Questa linea di lotta e una necessita anche per la sopravvivenza di ampie sezioni dei lavoratori salariati e autonomi, pensionati e giovani provenienti da famiglie popolari.

Il KKE da e dara tutto il suo sostegno a questa dura lotta di classe, l'unica che da una prospettiva al popolo.

Atene 14/12/2011 Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Dichiarazione dell'Ufficio Politico del CC del KKE

14/12/2011

Partito Comunista di Grecia (KKE)

8430