il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

99%

99%

(20 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

A proposito del progetto di adesione del PCF al partito della sinistra europea

lettera di un compagno del collettivo "Redonner seus couleurs au PCF" del PCF Francese

(2 Maggio 2004)

"Redonner seus couleurs au PCF" è il nome del collettivo nazionale capeggiato da alcuni dirigenti del PCF, tra cui Maxime Gremetz, che recentemente, alla testa di una lista fortemente identitaria, osteggiata dalla segreteria nazionale del PCF, ha ottenuto un grande successo nelle elezioni regionali svoltesi in Piccardia.
Dal sito del collettivo abbiamo tradotto il testo della lettera che il compagno André Gerin ha inviato alla direzione nazionale del partito, rivolgendo forti critiche alla proposta di adesione al "Partito della Sinistra Europea".

La direzione del PCF c'inganna o si inganna. Lo scolorimento del partito comunista francese sarebbe in programma per il mese di maggio! La notizia può sembrare incredibile. Ma, mentre i militanti si dedicano alla campagna per le elezioni regionali e cantonali, la direzione del PCF conclude il lavoro sugli statuti del "partito della sinistra europea", di cui il congresso di fondazione dovrebbe tenersi a Roma, l'8 e 9 maggio prossimi. Dopo quale consultazione dei comunisti? Solo un congresso straordinario è sovrano di fronte a una decisione tanto importante, quale quella di creare un altro partito.

Dopo avere manovrato affinché il PCF non vada alla battaglia delle regionale con i suoi propri colori, dopo aver aderito in Ile de France ad una lista che abbandona l'identità comunista, la direzione del partito si prepara a mettere in opera di nascosto questa grande parola d'ordine: "Il campo più importante per l'azione politica è l'Europa!"

"Unifichiamo il partito della Sinistra alternativa e progressista sul continente europeo", è scritto in un preambolo redatto a Parigi, il 24 gennaio. "Ci riferiamo ai valori e alle tradizioni del movimento socialista, comunista ed operaio, del femminismo e del movimento per l'uguaglianza dei sessi, del movimento per l'ambiente e lo sviluppo duraturo…"

Perché questo inganno europeo? Perché un "partito della sinistra europea", vero pasticcio? In una Europa a 25, pilotata da un direttorio di potenti, l'idea di una Europa dall'Atlantico agli Urali non è più all'ordine del giorno della nostra strategia politica? Ciò merita perlomeno un dibattito ponderato ed approfondito. Non giriamo intorno all'argomento. La direzione del partito si prepara ad andare avanti forzando i tempi in nove settimane, di cui tre di campagna elettorale per le regionali e le cantonali?

Il "partito della sinistra europea" si proclama un vero partito, con un congresso sovrano che "adotta i documenti fondamentali", "decide le dichiarazioni politiche", "gli orientamenti comuni per le elezioni europee" e "prende l'iniziativa del confronto nei partiti od organizzazioni politiche affiliate". Alla sovranazionalità europea che i comunisti combattono da sempre, il "partito della sinistra europea" vuole aggiungere la sovranazionalità di un partito. Una tale organizzazione ricorda la seconda internazionale che ha fallito, malgrado i richiami pressanti di Jaurès, il fondatore de l'"Humanité"!

Alla fruttuosa cooperazione che raccomanda il PCF, all'internazionalismo che è un valore fondante del movimento comunista, il "partito della sinistra europea" vuole sostituire un super apparato. Il progetto di statuto precisa che il "partito della sinistra europea" sarà diretto da un(a), presidente, un ufficio esecutivo ed un consiglio dei presidenti. Le decisioni potranno essere prese "a maggioranza qualificata". Un partito membro potrà "dichiarare che non si sente legato da suddetta decisione, dal momento che avrà informato gli altri partiti prima che la decisione venga adottata. »

Insomma, un partito in disaccordo si troverà a lottare contro il "partito della sinistra europea", anche nel proprio paese, se un orientamento non sarà ritenuto conveniente. È il diritto alle correnti spinto alla schizofrenia! Non c'è bisogno di avere fatto dei lunghi studi da politologo per vedere i danni che una tale organizzazione può generare a livello delle lotte ed azioni concrete nelle fabbriche, città, quartieri, in Francia come in Europa.

Su quali basi, il "partito della sinistra europea" prenderà posizione? Nel progetto di manifesto del "partito della sinistra europea", si legge: "Ci battiamo per una società che superi (sottolineatura dei redattori del progetto) la logica capitalista e patriarcale." Circa il superamento del capitalismo, si è già visto il risultato con la sinistra plurale! In quanto ad associare il capitalismo ed il patriarcato, in materia di amalgama si può fare difficilmente meglio. Il concetto marxista di "capitalismo" non è una spezia da cospargere su qualsiasi piatto.

Siamo di fronte ad una volontà deliberata di affondare a breve scadenza il partito comunista francese, la sua originalità, la sua storia; di abbandonare la cultura politica propria di un partito che ha saputo, nelle tempeste dell'ultimo secolo, tenere alto l'ideale del comunismo, legandolo all’ideale repubblicano, nell'eredità della Rivoluzione francese; di un partito che ha fatto la sua scelta storica al congresso di Tours, nel 1920?

Perché questo? Questi sono i danni di un quarto di secolo di socialdemocrazia! Di abbandono in rinuncia, l'apparato del PCF si è modellato su istituzioni, di cui tutti sono d'accordo a riconoscere il deperimento. Non c’è più democrazia con il 50% di astensioni.

Come il partito socialista che prova di nuovo a servirci i piatti freddi del governo Jospin, pensando che gli elettori avrebbero torto a non apprezzarli, si può ritenere che gli astensionisti si mettano loro stessi fuorigioco. Il problema, è che sono gli elettori degli ambienti popolari che disertano le urne, quelli che soffrono duramente della politica della destra e davanti ai quali si agita freneticamente lo straccio sbiadito dell'alternanza.

Come possono dei rivoluzionari essere immobilizzati su questa dolente questione? Come si può restare sordi e cechi di fronte alla miseria economica, sociale, democratica, culturale che soffrono milioni di persone nel nostro paese. Bisogna avere il coraggio di dire oggi che non si potrà avere una via di uscita nell'alternanza del 2007 che riprodurrebbe quella del 1997.

Per battere la destra, bisogna finirla con le false speranze di un gioco politico che interessa solo i giocatori. Bisogna ritrovare la strada della lotta, della solidarietà, nelle fabbriche, nei quartieri, nelle città,. Bisogna immaginare insieme delle forme nuove di potere e di contro-potere per fare sbarramento, dovunque questo sia possibile, contro l'indecente dominio della finanza, rovinosa per tutto il nostro popolo.

Nello stesso modo, bisogna smettere di immaginare qualche salvezza in una fuga in avanti europea. Tanto bisogna battersi affinché l'Europa si emancipi dalla regola drastica del denaro, quanto deve essere chiaro che essa non offre di per se stessa la via per questa emancipazione.

È inutile pensare che si possa riuscire a fare attualmente in Europa ciò che si è incapaci di fare nel nostro paese. E ciò che è vero per la Francia è anche vero per ciascuno dei paesi europei.

La Nazione rimane il luogo privilegiato per l’emergere di nuove lotte anticapitaliste e per la marcia verso il socialismo. Il comunismo è una nozione che si è fabbricata nella storia, particolarmente in Francia, dopo la Rivoluzione francese e Babeuf. L'ideale comunista convive con quello nazionale, l’uno e l'altro hanno per cemento comune la sovranità popolare. L'internazionalismo, ben lungi dal condurre all'amalgama, è l'espressione di questa sovranità, liberata dalle costrizioni del dominio. Chi oggi oserebbe dire che l'Europa oggi è cosa diversa da una spaventosa macchina di costrizione dei popoli?

Anche se si accreditasse al "partito della sinistra europea" le più lodevoli intenzioni, esso si vedrebbe stritolato in un attimo in mancanza di partiti rivoluzionari sufficientemente solidi su cui appoggiarsi in ciascuno dei paesi europei. Bisogna ritenere che non ci sia avvenire per i partiti comunisti in Europa, nel momento in cui i valori e gli ideali che hanno portato il socialismo ed il comunismo risorgono sempre e quando il comunismo non ha detto la sua ultima parola?

La direzione del PCF deve rinviare sine die ogni progetto di adesione al "partito della sinistra europea". Deve affrontare la questione in un ampio dibattito in seno al partito ed organizzare un congresso straordinario. Da parte mia mi auguro che questo dibattito sia leale e profondo. Ho fiducia nei militanti comunisti che sapranno dare a questo dibattito un' impostazione costruttiva e combattiva.

Spero che non sia troppo tardi. È l'esistenza stessa del PCF, di un partito rivoluzionario in Francia che è in gioco.

Che ogni aderente sia protagonista e decida in merito a questa scelta strategica vitale!

4 marzo 2004

André GERIN

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La “Sinistra Europea”»

11775