il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Figli di puttana

Figli di puttana

(18 Marzo 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Libia: sull'orlo di una nuova guerra civile

Mario Monti si prepara a visitare una Libia che appare vicina a sprofondare nel baratro di un nuovo conflitto armato. Dettano legge le milizie.

(7 Gennaio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in nena-news.globalist.it

Libia: sull'orlo di una nuova guerra civile

foto: nena-news.globalist.it

TOMMASO DI FRANCESCO

Roma, 07 gennaio 2012, Nena News - Dopo Bruxelles e Parigi, la prima capitale straniera che Mario Monti visiterà sarà, tra due settimane, Tripoli. Al primo posto ci sono i contratti dell'Eni, che il nuovo potere libico minaccia di «rivedere». Ma resta ancora in ballo il Trattato d'amicizia, riattivato già con la visita del presidente del Cnt Mustafa Abdel Jalil in Italia a metà dicembre, e che ora Monti confermerà. Il Trattato, sottoscritto da Berlusconi e Gheddafi nel 2008 a Bengasi, riconosce i misfatti coloniali italiani attraverso il risarcimento di 5 miliardi di dollari distribuiti in 20 anni, da impiegare nella costruzione di una mega-litoranea. Ora poi si presenta - mentre accorrono in Libia ministri francesi e anche quelli della Germania che non ha partecipato alla guerra - l'affare della ricostruzione di quello che la guerra civile e i bombardamenti della Nato hanno distrutto. Ricostruzione che, secondo l'Economist, darà alla Libia nel 2012 un «rimbalzo» eccezionale con un tasso di crescita del 25%. Per i nuovi affari l'Italia farà contare, in perfetta continuità con il governo Berlusconi, il peso rilevante della sua iniziativa militare nella guerra. Ma dietro c'è ancora la vicenda sporca interna al Trattato, cioè l'impegno del nuovo governo libico a «contenere» - con i campi di concentramento come faceva Gheddafi e con il pattugliamento a mare e sui confini interni - l'immigrazione dei disperati in fuga dalla miseria e dalle guerre dell'Africa dell'interno. Il Cnt e Jalil hanno già dato ampie rassicurazioni a proposito. Solo a parole, purtroppo, il ministro della cooperazione Riccardi ha detto che l'Italia avrebbe «rivisto» il Trattato.

Tutto si tiene sul delicato equilibrio di due interrogativi: chi ha vinto realmente in Libia e qual è la situazione a Tripoli. Una situazione che si racconta da sé. Due mesi dopo la cattura e il linciaggio di Gheddafi, la Libia è sull'orlo di una nuova guerra civile. L'allarme di questi giorni è dello stesso Jalil, dato più volte per dimissionario dalla presidenza del Cnt da tutte le tv arabe. «La Libia rischia di precipitare in una guerra civile se non riuscirà a tenere sotto controllo le milizie rivali che continuano a fronteggiarsi nel paese», ha denunciato da Bengasi dopo una furiosa battaglia scoppiata nel centro di Tripoli solo martedì scorso, che ha provocato sei vittime ufficiali ma in realtà più di dieci morti secondo Al Arabiya. Che ha raccontato di violenti scontri a fuoco in diversi quartieri, nati dopo che un gruppo di miliziani provenienti dalla città di Misurata, asserragliati nel vecchio palazzo dei servizi segreti, si era rifiutato di rispettare un ordine di sgombero da parte del Cnt. Altre fonti hanno parlato di «milizie filo-monarchiche contrapposte a islamisti». Ora gli scontri armati sembrano essersi radicalizzati «politicamente». Giovedì scorso due dei principali gruppi di ex insorti libici hanno preso posizione contro la recente nomina da parte del Cnt del nuovo capo di stato maggiore dell'esercito, Yussef al-Mangush, definendola «illegale». Si tratta della Coalizione dei rivoluzionari (Thwar) libici, che riunisce fazioni di Bengasi, Misurata e Zintan, e del Consiglio militare della Cirenaica. Si teme il peggio, visto che i due gruppi dispongono di grandi quantitativi di armi, tra cui pezzi di artiglieria e carri armati.

E' in questa Libia «reale» che arriveranno il presidente del Consiglio Monti e il comitato d'affari che si porterà dietro.

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

3436