il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mezza piena o mezza vuota?

Mezza piena o mezza vuota?

(22 Gennaio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Egitto: el baradei si ritira, "il regime non e' mai caduto"

«La democrazia non e' mai arrivata» ha commentato l’ex direttore dell’agenzia atomica internazionale, spiegando la sua decisione di rinunciare alla candidatura alla presidenza egiziana.

(15 Gennaio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in nena-news.globalist.it

Egitto: el baradei si ritira, "il regime non e' mai caduto"

foto: nena-news.globalist.it

EGITTO: EL BARADEI SI RITIRA, "IL REGIME NON E' MAI CADUTO" MI.GIO.

Roma, 15 gennaio 2012, Nena News - «La mia coscienza mi impedisce di presentarmi alle presidenziali o ad altre posizioni ufficiali senza un vero regime democratico». Con queste parole Mohammed el Baradei (nella foto), ex capo dell'Agenzia atomica internazionale (Aiea), premio Nobel per la pace e candidato alla presidenza egiziana, ieri ha annunciato la sua decisione di ritirarsi dalla corsa. «L'ancien regime non è caduto... ho passato in rassegna tutte le possibilità per servire questo paese in forma ufficiale ma non ne ho trovata una», ha detto Baradei spiegando che sono in corso i preparativi per le presidenziali ancora prima di elaborare la costituzione, che dovrebbe regolare proprio i rapporti fra i poteri e proteggere le libertà. Un controsenso in linea con la politica repressiva della giunta militare al potere dalla caduta di Hosni Mubarak undici mesi fa. L'annuncio del candidato alle presidenziali egiziane con più appeal internazionale è stato accolto (almeno in apparenza) con rammarico da altri pretendenti alla poltrona di capo dello stato: dall'ex segretario della Lega araba Amr Musa fino a Hazem Abu Ismail, candidato del partito salafita al Nour. Per Ayman Nour che si era presentato contro Mubarak nel 2005, il ritiro di Baradei fa uscire di scena una «parte sana» della rivoluzione egiziana. «Quelli che hanno creato il sogno se ne andranno e resteranno solo quelli che sognano il potere e il dominio», ha detto Nour rappresentando bene il quadro attuale dell'Egitto. Dalle elezioni legislative delle scorse settimane sono uscite largamente vincenti le forze islamiste, come i Fratelli musulmani, che avevano dato un contributo minino nei giorni decisivi della cacciata di Mubarak. Forze che hanno fatto poco o nulla in questi mesi per contrastare le politiche dei militari che, lo ha detto l'altro giorno anche l'ex presidente Usa Jimmy Carter (in visita in Egitto), non intendono passare tutti i poteri ai civili. La rinuncia di el Baradei simboleggia la sconfitta degli uomini e dei movimenti protagonisti della rivoluzione del 25 gennaio. Ma non è una resa. La battaglia per un nuovo Egitto non è finita e l'ex direttore dell'Aiea pensa ora di continuarla tra la gente. Nena News

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

2625