il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mezza piena o mezza vuota?

Mezza piena o mezza vuota?

(22 Gennaio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Egitto: la sfida della crisi economica

Il futuro governo egiziano, espressione delle forze islamiste che hanno vinto le elezioni, e' chiamato ad affrontare una dura crisi economica che sta aggravando disoccupazione e poverta'.

(25 Gennaio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in nena-news.globalist.it

Egitto: la sfida della crisi economica

foto: nena-news.globalist.it

MICHELE GIORGIO

Roma, 25 gennaio 2012, Nena News - C’è la crisi economica, che sta aggravando povertà e disoccupazione nel paese, tra le sfide che l’Egitto deve affrontare mentre la «rivoluzione del 25 gennaio» compie il primo anno. Una sfida difficile che i Fratelli musulmani (Fm), vincitori delle elezioni politiche, non hanno ancora chiarito come intendono risolvere quando formeranno il loro governo. «Il programma del partito dei Fm (Libertà e Giustizia), si limita a proporre una ricetta economica liberista, non molto diversa da quella che applicavano i ministri del passato regime – spiega al manifesto Marwa Hussein, esperta di economia per il giornale al Ahram - Non abbiamo appreso di soluzioni concrete per il rilancio di una economia depressa a causa della recessione mondiale e per le forti tensioni successive alla rivoluzione».

D’altronde ben poco hanno fatto per contenere la crisi la giunta militare al potere e i governi che si sono succeduti dalla caduta del raìs Hosni Mubarak. I dati sono parlano chiaro. Il Pil è cresciuto nel 2011 solo di un 1%. Gli investimenti dall’estero sono calati nettamente lo scorso anno (- 20%) ed erano già scesi del 50% nel biennio 2009-10 rispetto a quello precedente quando avevano superato i 13 miliardi di dollari. I capitali continuano a fuggire dal paese. La Banca centrale ha comunicato con allarme che le riserve di valuta estera sono passate dai 36 miliardi di dollari del 2010 ai 22 dello scorso ottobre. E le possibilità di invertire la tendenza sono limitate di fronte ad un drastico calo delle presenze turistiche che ha già causato la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro. In totale, secondo le statistiche ufficiali, sono 337mila gli egiziani che hanno perduto il lavoro nel 2011 e la disoccupazione ufficiale è salita all’11,9% dall’8,9% del 2010. «Anche gli investitori arabi chiudono le aziende e lasciano il paese, pertanto la disoccupazione è destinata ad aumentare. Serve subito un piano efficace per far uscire il paese da questa spirale», avverte Yumm al Hamaky, docente di economia all’università Ain Shams. Il futuro governo inoltre sarà costretto ad far ricorso ancora più che in passato al debito per finanziare gli aiuti ai più poveri in un paese dove già 64 degli 85 milioni di abitanti ricevono aiuti alimentari e un 20% della popolazione vive con meno due dollari al giorno (un’altro 20% supera di poco quella somma). E l’onnipresente agenzia di rating Standard & Poor's ha già provveduto, lo scorso autunno, a gettare negli abissi il debito sovrano egiziano.

«Ai futuri governanti non basterà far ricorso alla solidarietà e all’elemosina (islamica) per tamponare i problemi sul tavolo ed imprimere la svolta che richiede la situazione. Servono misure strategiche a lungo termine ed un politica economica profondamente diversa da quella attuata in questi ultimi anni», aggiunge da parte sua Marwa Hussein. Le condizioni di vita di stanno deteriorando soprattutto nell’Alto Egitto dove il passato regime ha fatto poco o nulla nei decenni passati in termini di investimenti e di servizi. «E’ sufficiente andare in quelle zone per capire che tanti egiziani non sono in grado di assicurarsi almeno un pasto quotidiano», denuncia Ahmed Khorshid, un ex consulente del ministero dell’agricoltura. Potrebbero ripetersi gli assalti ai trasporti delle scorte alimentari, come quello compiuto lo scorso 5 novembre dagli abitanti di Badrashin (Giza) ad un treno merci che a bordo aveva diverse tonnellate di grano. Inutile è stato l’aumento, lo scorso luglio, del salario minimo da 422 pound egiziani (circa 45 dollari) a 708 pound (circa 85 euro). L’inflazione ha subito divorato il piccolo passo avanti e la chiusura di altre fabbriche ed aziende ha accresciuto di il numero dei disoccupati.

Le future autorità dovranno perciò attendersi una nuova ondata di scioperi ed agitazioni da parte dei lavoratori, vittime principali della crisi, che ora possono contare sull’appoggio di sindacati veri ed indipendenti rispetto a quelli addomesticati che operavano sotto il passato regime. La rivoluzione ha messo a nudo le enormi diseguaglianze sociali provocate soprattutto dalle politiche neoliberiste imposte da Gamal Mubarak, figlio del raìs ed ex capo dell’ufficio politico del disciolto Partito nazional democratico. I vincitori delle elezioni legislative tuttavia non sembrano aver intenzione di trasformare la linea economica conosciuta in questi ultimi anni. Durante la campagna elettorale i Fm e l’altro movimento islamico, i salafiti, hanno puntato molto sull’aiuto ai più poveri ma non hanno puntato l’indice contro il liberismo economico, anzi al contrario continuano a parlare di libero mercato. Ma gli egiziani non dimenticano le loro rivendicazioni e gli islamisti che ora dominano l’Assemblea del Popolo potrebbero presto fare i conti con un nuova ondata di proteste di lavoratori in tutto il paese. La posta in gioco è anche la realizzazione di un Egitto più giusto. Nena News

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

2896