il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Siria

Siria

(31 Agosto 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Bonus 200 €
    (più malus che bonus)
    (2 Luglio 2022)
  • Il Comune di Milano taglia quindici sezioni nelle materne: "Calo delle nascite, sempre meno iscritti” dicono al Comune….ma sarà vero?
    Anche la situazione a ROMA CAPITALE, nel settore educativo-scolastico, ha delle criticità…
    (1 Luglio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Il nuovo ordine mondiale è guerra)

    Gli Usa chiudano Guantanamo, il monito dell’Onu

    (25 Gennaio 2012)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

    Il carcere di Guantanamo “continua ad esistere e continuano ad esserci persone detenute arbitrariamente e a tempo indeterminato, si tratta di una chiara violazione del diritto internazionale”, è quanto affermato dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Navi Pillay, che ha espresso grande delusione per la mancata chiusura del carcere annunciata dal presidente Obama all’indomani della sua elezione.

    Dopo 10 anni dall’apertura di Guantanamo, l’installazione è sempre lì, in chiara violazione del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale: “bisogna garantire che le persone private della libertà possano contare su una verifica della legalità del loro arresto di fronte a un Tribunale. Dove esistono prove credibili nei confronti dei detenuti di Guantanamo, questi dovrebbero essere accusati e perseguiti. In caso contrario, devono essere rilasciati”. La Pillay ha esortato il Congresso ad intervenire e ha ribadito il dovere del governo statunitense di indagare sulle denunce di tortura (ricordiamo che anche gli Usa hanno ratificato nel ’94 la Convenzione contro la tortura) e maltrattamenti presentate da ex-detenuti o associazioni per la Difesa dei diritti umani e punire gli eventuali responsabili.
    In questi anni Guantanamo è stata il simbolo della lotta statunitense contro il terrorismo ed, insieme, delle violazioni dei diritti umani, un buco nero per il Paese che si fa baluardo di democrazia e libertà. In 10 anni di “attività” a Guantanamo sono state recluse quasi 800 persone, attualmente ne rimangono 170, le altre sono state trasferite in carceri all’estero. I morti ufficiali in questi anni risultano 8, ma in realtà non è dato sapere cosa succeda in uno dei carceri più duri al mondo, dove spesso i detenuti non conoscono le accuse a proprio carico e non vengono giudicati. Nel gennaio 2010 l’amministrazione statunitense ha dichiarato che 48 prigionieri non potranno essere né processati né rilasciati; essi dovranno rimanere in detenzione militare a tempo indeterminato. Ma cosa significa?
    Guantanamo rappresenta anche un buco nero per la giurisprudenza, tant’è che nel 2008 la Corte Suprema affermò che i prigionieri di Guantanamo avevano il diritto di contestare la legittimità della loro detenzione di fronte a un tribunale federale ordinario. Il Military Commission Act tanto voluto da Bush non sembrava sufficiente a giustificare le detenzioni nella prigione di Guantanamo. Ma nel 2011 è stato trasformato in legge il nuovo National Defense Authorization Act “che ora –spiega l’Alto Commissario Onu - codifica in modo efficace tale detenzione militare a tempo indeterminato senza accusa né processo. Questa legge viola alcuni dei principi fondamentali della giustizia e dei diritti umani, cioè il diritto a un processo equo e il diritto a non essere arbitrariamente detenuti. Nessuno dovrebbe mai essere incarcerato per anni e anni senza essere processato, condannato o rilasciato”.

    25-01-2012

    Valentina Valentini
    DirittiDistorti

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

    Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

    3580