il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Sangue e arena

Sangue e arena

(11 Giugno 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Treni e maltempo. Imprigionati in treno, fermi per ore e poi nella neve lungo i binari

(5 Febbraio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

In risposta ai comunicati assurdi delle Ferrovie riportiamo una testimonianza, tra le tante, raccolta dall'Ansa su quanto avvenuto su un treno partito da Roma e diretto a Viterbo.

«Camminavamo nella neve lungo i binari nel freddo come i deportati. Una situazione assurda: tra noi anche anziani e bambini. Anche un bimbo trapiantato con la febbre alta. Un incubo». Una scena che non sembra possibile solo per una modesta nevicata. Una scena che ieri circa 600 passeggeri di un treno Roma-Viterbo hanno vissuto incredibilmente dopo avere atteso invano che il treno, frequentato da pendolari, ripartisse, dopo uno stop lunghissimo a Cesano, vicino Roma. «Eravamo partiti alle 11 e alle 23:30, dopo essere rimasti fermi al freddo vicino Cesano, nessuno ancora sapeva nulla -racconta la passeggera- poi un utente esasperato ha un'idea: 'portateci alla vicina caserma, fateci restare lì». Il buon senso del pendolare, che conosce bene la zona, ha 'salvato' così la notte alle centinaia di passeggeri ormai infreddoliti. «Ma il treno, fermo vicino alla stazione di Cesano, non è riuscito ad arrivare ai terminal -spiega ancora l'utente- così di notte in centinaia siamo stati costretti a scendere e camminare nella neve, in fila indiana, al buio, lungo i binari». Un chilometro e mezzo che per anziani e bambini, già stremati dal'attesa, è stato infinito. «Alla caserma della Fanteria di Cesano sono stati gentilissimi -racconta la passeggera- hanno richiamato anche i militari no in servizio. Ci hanno accolto, ci hanno fatto cenare, ci hanno fatto pernottare. Si sono presi cura dei più deboli. Degli altri, protezione civile e soprattutto Trenitalia non abbiamo visto nessuno». La situazione dei '600' si sta ora lentamente risolvendo. «Dopo più di 24 ore dalla partenza del treno da Roma -racconta ancora- i passeggeri diretti a Anguillara sono stati caricati su camionette dei carabinieri per raggiungere la località. Noi, gli altri attendiamo. Nessuno ci dice nulla. In compenso ogni tanto ci contano. Perchè? Non lo so, è tutto surreale». Nell'attesa, che ormai ha reso i 90 chilometri che separano la capitale da Viterbo una sorta di periplo dell'Africa, i passeggeri-deportati stanno organizzando una class action contro Trenitalia. «È una vergogna -conclude la passeggera- ci hanno abbandonati, trattati come sacchi, parcheggiati e mai informati». E trova spazio anche per un'amara ironia: «stiamo vivendo il nostro interminabile Giorno della Memoria». (ANSA)

4-2-12

DirittiDistorti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Per un trasporto senza classi»

Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

4866