il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

4 Novembre

4 Novembre

(4 Novembre 2009) Enzo Apicella
91° anniversario della fine del Primo Macello Mondiale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Bush è “persona non gradita”

(14 Maggio 2004)

La visita in Italia del presidente Bush non può che apparire inopportuna. Inopportuna nel metodo perché avviene in piena campagna elettorale ed inopportuna nel merito. Il governo e le forze politiche farebbero bene a rinviare questo appuntamento oppure a tenersene alla larga. George Bush e la sua amministrazione portano infatti gravi e pesanti responsabilità nel deterioramento delle relazioni internazionali: lo scatenamento della guerra preventiva; l’aggressione, l’occupazione e le torture in Iraq, il via libera dato a Sharon per la costruzione del Muro dell’apartheid e l’annessione di parte della Cisgiordania, le menzogne di guerra distribuite alla propria opinione pubblica ed a quelle dei paesi alleati.

Il governo Berlusconi intende utilizzare la visita di Bush a fini elettorali, ma commette un grave errore. Mai come oggi l’opinione pubblica in Italia, in Europa e nel mondo, ha maturato una profonda ostilità per ciò che George Bush rappresenta: una amministrazione guerrafondaia che sta portando il Medio Oriente e l’area mediterranea dentro una escalation irta di pericoli. Quella di Bush è una amministrazione interna e subalterna al big business che contrappone apertamente il progetto del “Grande Medio Oriente” al Mercato Unico Euromediterraneo del 2010, alimentando una competizione esasperata con l’Europa ed i paesi mediterranei che guardano ad essa, il popolo palestinese innanzitutto. Non c’è alcun buon motivo per dare ospitalità a George Bush in Italia, ragione per cui sarà bene che in tanti lo dichiarino sin da ora “persona non gradita”.

Bassam Saleh
Candidato indipendente al Parlamento Europeo nelle liste del Partito dei Comunisti Italiani Lazio-Toscana- Umbria-Marche

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...»

Ultime notizie dell'autore «Bassam Saleh»

4416