il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

La primavera italiana

La primavera italiana

(9 Giugno 2011) Enzo Apicella
Il 12 e 13 giugno vota SI

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Sentenza Eternit.... "per ricordare i lavoratori uccisi in nome del profitto"

(16 Febbraio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it

Dalla Costituzione Italiana : Art. 32, comma 1:” la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto
dell’individuo e interesse della collettività”

Art. 35, comma 1: “la Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed
applicazioni”

Art.41:” l’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto
con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla
dignità umana”.

Art . 2087 del Codice Civile del 1942 “L’imprenditore è tenuto ad adottare,
nell’esercizio dell’impresa, le misure che, secondo la particolarità del lavoro,
l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro” .

Guariniello : ”siamo di fronte ad una grande ingiustizia internazionale, ci sono Paesi in cui se i tocca l’amianto bisogna farlo con lo scafandro ed altri in cui si tocca ancora con le mani. L’obiettivo è ridurre il costo della sicurezza in nome del profitto , una corsa all’omicidio bianco per sconfiggere la concorrenza.. Il costo della lavorazione dell’amianto assume un valore fondamentale quando in un paese “puoi lavorare l’amianto a mani nude” ed essere moralmente pulito"

Ci sono in Italia oltre 100 siti industriali dichiarati " a rischio vitale" .

Sono in corso migliaia di azioni risarcitorie da parte dei parenti degli uccisi da lavorazioni nell'industria petrolchimica e derivati;galvanica; cartaria ; conciaria ; mineraria; armanenti; nucleare.

Così come le richieste di bonifica dei territori (terra,acqua,aria) sollevate dalle popolazioni residenti. Medicina e magistratura , stanno sempre più evidenziando il rapporto " causa-effetto" tra esposizione ad agenti patogeni- nocivi e malattie invalidanti/croniche/mortali : vedi elettrosmog, polveri sottili, acqua e cibo impestati, dovuti pricipalmente a centrali termoelettriche, antenne telefonia , discariche-inceneritori,cementifici, agricoltura intensiva , rifiuti speciali.

La sentenza " Guariniello" indica a lavoratori e popolazioni il rispetto innanzi tutto di se stessi - " prima di tutto la salute , la salute non si baratta" , non si baratta il bene comune " - e secondo poi , il rispetto della dignità, il combattere prima , durante e anche dopo, contro chi attenta alla salute sul lavoro e nelle istituzioni, contro ad esempio il depotenziamento delle normative su " salute e sicurezza del lavoro", reso possibile dal Decreto Legislativo 81/08 concesso dal governo ai padroni in quanto " le aziende non possono più sopportare la Legge 626/94 ".

La battaglia non è finita con la " sentenza Guariniello". Stante il clamore e il ricorso in appello dei criminali proprietari di Eternit, è necessario moltiplicare gli sforzi per far emergere il marcio , rinvigorendo le coscienze alla sfida per il benessere e non al subire il patteggiamento.

Che 100 vertenze significative sul danno alla salute e sull'azione risarcitoria, si aprano !

Troveranno il concorso e il sostegno sensibile dell'insieme dei lavoratori , della popolazione e delle loro forme associative, la Confederazione Cobas tra queste.

Roma 15.2.2012

Confederazione Cobas

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Amianto. La strage silenziosa»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

4129