il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

La peste

La peste

(23 Novembre 2010) Enzo Apicella
“La Peste”. Un libro-inchiesta denuncia le infiltrazioni camorristiche nel ciclo dei rifiuti, le convenienze della politica e gli interessi della massoneria

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale, ambiente e salute)

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Res publica res privata

(18 Febbraio 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.comunistiuniti.it

L’incenerimento e’ parte sostanziale e determinante del modo di produzione capitalista nella gestione dei rifiuti, con il solo scopo di creare plusvalore.
Che la creazione di plusvalore,sia realizzata sulla pelle dei cittadini, ma non di tutti sia ben inteso, crea all interno delle classi un conflitto.
Conflitto facilmente determinabile, anche agli occhi piu’ ingenui, vedi il caso Eternit.
Le discariche di rifiuti pericolosi e non,vengono sempre realizzate nelle periferie delle citta’ ; nelle zone piu degradate del ns paese (Campania insegna) vengono stoccati rifiuti velenosissimi, senza alcuna precauzione della salute pubblica.
La provenienza, e’ in gran parte dalle ricche regioni del centro\nord.
Non e’ un caso che nelle periferie delle citta’ vivono le classi meno abbienti ossia, il proletariato, ed ecco palesarsi un nuovo conflitto; le discariche abusive l’incenerimento, sono di fatto la battaglia che la borghesia arricchita ha scatenato contro il proletariato, al solo scopo di rimpinguare i suoi guadagni che la recessione economica a sensibilmente ridotto.
Il ridimensionamento del PIL che i ns tecnici ci agitano davanti, per incuterci paura,non e’ altro che la misura in cui scende la probabilita’ di guadagno della borghesia, perche’ i costi per la realizzazione del PIL non vengono mai conteggiati in quanto sono riferiti, come nel ns caso, alla salute pubblica al disinquinamento ecc ecc ma questi costi vanno a scaricarsi sul bilancio dello stato, il quale e’ dal proletariato o se volete dalle buste paga sostenuto.
Facile evincere che i danni ambientali sanitari di regressione economica, di svalutazione immobiliare che vengono causati dalla incenerimento sono pagati esclusivamente dal popolo delle buste paga ovvero sia dalla maggioranza dei cittadini.
La funzione o una delle funzioni che dovrebbero assolvere le istituzioni, in quanto pubbliche, come la difesa della salute pubblica, la difesa del territorio, la ripartizione delle possibilita’ di crescita delle popolazioni,vengono spesso piegate, assoggettate non agli interessi Generali ma bensi ad interessi Particolari.
Non ritengono gli amministratori locali che prima di vincolare il futuro, la salute pubblica e il probabile inquinamento dei territori interessati per i prossimi 27 anni, sarebbe opportuno confrontarsi pubblicamente, visto che di Res Publica si tratta, con chi fornisce alternative documentate e documentabili, altrove riconosciute come utili ed applicate, soprattutto fondate su criteri economici e scentifici ? Un partito che si dichiara di sinistra, dovrebbe avere una sensibilita’ superiore per le aspettative del proletariato o quanto meno dovrebbe essere attento alla difesa del interesse generale, ed allora, perche’ non confrontarsi con chi propone una soluzione diversa? volta a aumentare i posti di lavoro, risparmio energetico risparmio del suolo,risparmio sanitario, ed in fine ma non per ultimo, risparmio economico per i vs concittadini ?

I. Germinario

Comunisti Uniti

6101