il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Libia. 2 Giugno

Libia. 2 Giugno

(3 Giugno 2011) Enzo Apicella
Italia: Festa della Repubblica. Libia: cadono le bombe della Repubblica Italiana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' USCITO IL NUMERO 100 DELLA RIVISTA PROSPETTIVA MARXISTA
    (21 Giugno 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    25/02 - cantautori venezuelani esprimono solidarieta' a julián conrado

    (26 Febbraio 2012)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.nuovacolombia.net

    25/02 - cantautori venezuelani esprimono solidarieta' a julián conrado

    foto: www.nuovacolombia.net

    I cantautori venezuelani si pronunciano pubblicamente per la libertà di Julián Conrado, cantautore rivoluzionario colombiano, come degno rappresentante del canto impegnato e in quanto continuatore dell'opera di Alí Primera, il “Cantor del Pueblo” venezuelano.
    Dal momento dell'illegale e pretestuoso arresto di Julián in Venezuela, il governo Chávez subisce continue pressioni dalla Colombia che mira ad ottenerne l'estradizione, anche se in

    merito a questo funesto procedimento, che consegnerebbe l'artista al fascista e torturatore Stato colombiano, il Pubblico Ministero della Procura Generale del Venezuela, Luisa Ortega Díaz, si è pronunciato nel dicembre scorso per il non luogo a procedere.
    Lilia Vera, storica cantautrice della canzone di lotta venezuelana, ha dichiarato: “Crediamo nella necessità di dargli asilo politico, soprattutto perché quel che è successo a Julián Conrado è una violazione dei suoi diritti umani. Noi cantautori abbracciamo la lotta di questo compagno”. Anche Agua Salá si è pronunciato nettamente a favore di Julián: “Come cantautore chiedo che si dia la libertà a questo compagno, che è la voce di molti esseri umani”. Secondo Sandino Primera, figlio di Alí, “ Julián rappresenta la speranza”.
    Le molte dichiarazioni rilasciate riflettono chiaramente il profondo significato politico ed etico che rappresenta il caso per i settori rivoluzionari che appoggiano il processo bolivariano ed il Presidente Chávez, in Venezuela e nel mondo: Julián Conrado, che peraltro patisce seri problemi di salute, dev'essere scarcerato, ed ha diritto all'asilo politico nella Repubblica Bolivariana del Venezuela.

    Altri Clamori dalla Colombia...

    Associazione nazionale Nuova Colombia

    4331