il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

per Vittorio Arrigoni

per Vittorio Arrigoni

(15 Aprile 2011) Enzo Apicella
Rapito e ucciso a Gaza Vittorio Arrigoni, militante dell'International Solidarity Movement

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Processo arrigoni: imputati ora ritrattano

E' chiaro il tentativo di scaricare tutte le resposabilita' sugli altri due membri del gruppo (presunto) salafita che sequestro' Vittorio, rimasti uccisi in uno scontro a fuoco con la polizia e che non possono raccontare la loro versione dell'accaduto.

(12 Aprile 2012)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in nena-news.globalist.it

Processo arrigoni: imputati ora ritrattano

foto: nena-news.globalist.it

Gaza, 12 aprile 2012, Nena News - Tre dei quattro palestinesi imputati per il rapimento e l'assassinio di Vittorio Arrigoni, avvenuto il 15 aprile dello scorso anno a Gaza city, hanno ritrattato in buona parte le confessioni che avevano reso negli interrogatori seguiti all’arresto da parte della polizia di Hamas.

Durante l’udienza che si è tenuta questa mattina davanti alla corte militare di Gaza in un'aula gremita di amici e coniscenti di Vittorio, Mahmud Salfiti, Tamer Hasasnah e Khader Jram, hanno detto di aver confessato «sotto pressione» la loro partecipazione al sequestro. Sino ad oggi avevano detto di aver organizzato il rapimento allo scopo ottenere la scarcerazione dello sceicco al Maqdisi, il capo del gruppo salafita Tawhid wal Jihad arrestato qualche mese prima da Hamas. Più di tutto hanno negato di essere stati a conoscenza del piano di uccidere l’attivista italiano che, a loro dire, era stato segretamente concepito dai due «capi» del gruppo, il giordano Abdel Rahman Breizat e Bilal Omari, rimasti uccisi poco dopo l’assassinio di Vittorio in uno scontro a fuoco con la polizia.

I tre, quasi in coro, hanno detto che il loro unico scopo era quello di «dare una lezione all’italiano» che a loro parere conduceva una vita poco conforme alla tradizione e ai sentimenti religiosi prevalenti a Gaza.

E’ evidente il tentativo degli avvocati della difesa di far ricadere tutte le responsabilità dell’assassinio di Vittorio Arrigoni su Breizat e Omari che non possono raccontare la loro versione dell’accaduto. Nena News

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Restiamo umani»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

6519