il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Dignità operaia

Dignità operaia

(9 Marzo 2012) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale dei metalmeccanici convocato dalla Fiom e manifestazione nazionale a Roma

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Per un sindacato di classe)

Rafforzamento della Rete Europea dei Sindacati di base e alternativi

Dichiarazione dei principi della Rete dei sindacati alternativi e di base

(11 Maggio 2012)

Le organizzazioni e i collettivi che costituiscono questa di rete di sindacalismo alternativo, di base e autogestionario, nata nel 2003, hanno culture e storie differenti. Il nostro incontro nasce da convergenze forti nella storia recente, da esperienze e da lotte comuni ma anche da tradizioni profondamente radicate nella storia del movimento operaio. Essa si basa su processi di pensiero, di percorsi strategici, di progetti divenuti comuni o per lo meno affini. Ma è soprattutto una risposta al particolare momento storico del capitalismo che dobbiamo affrontare, a questo cambiamento di grande ampiezza delle società capitaliste.

1) Un sindacalismo di lotta e di trasformazione sociale

che mira a rovesciare il modello di sviluppo economico, sociale e politico, fondato sull’egemonia della finanza, del profitto e della competitività per costruire un modello basato sui beni comuni, sulla redistribuzione del reddito e della ricchezza, sui diritti di lavoratrici e lavoratori, e su uno sviluppo sostenibile a livello ecologico; che rivendica l’estensione, la democratizzazione e l’appropriazione sociale dei servizi pubblici, in particolare la scuola e la formazione, la sanità, i trasporti, l’energia, l’acqua e la casa; che lotta in Europa e in tutto ilo mondo contro la crescente illegalità economica e sociale per trasformare il sistema e costruire un’alternativa fondata sull’autogestione e la democrazia di base, effettivamente partecipativa e diretta; che agisce per il diritto alla libera circolazione delle persone e all’uguaglianza dei diritti sociali e politici a tutti e a tutte, indipendentemente da nazionalità, nascita, sesso e genere; che appoggia le pratiche anti-egemoniche che combattono il sistema.

2) Un sindacalismo indipendente autonomo democratico e assembleare

effettivamente autonomo dai padroni, dagli apparati dello stato e dei governi, anche da tutte quelle organizzazioni che partecipano alla gestione del sistema capitalistico, dalle istituzioni religiose e dai partiti politici; fondato sull’autorganizzazione, e l’azione diretta, secondo il principio che non si può delegare ad altri la lotta per l’emancipazione sociale, il miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza sul posto di lavoro. fondato sull’autorganizzazione, e l’azione diretta, secondo il principio che non si può delegare ad altri la lotta per l’emancipazione sociale, il miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza sul posto di lavoro.

3) Un sindacalismo alternativo alle pratiche e alle strategie dei sindacati europei maggiormente rappresentativi che non assicurano più il compito di proteggere difendere il mondo del lavoro e hanno rinunciato ad ogni progetto di trasformazione sociale.

4) Un sindacalismo aperto all’azione comune e unitaria di tutte le forze sindacali in accordo con questa dichiarazione, che condividono le nostre pratiche ed i nostri obiettivi di lotta.

5) L’adesione alla nostra rete è aperta a tutte le organizzazioni sindacali che sottoscrivono questa dichiarazione e ne condividono i principi.

La Rete Europea del sindacalismo alternativo e di base esprime il proprio sostegno allo sciopero generale il 29 marzo in Spagna contro una riforma del lavoro che riduce i lavoratori ’diritti conquistata dopo dure lotte negli anni passati.

Noi diciamo che i diritti devono essere esteso a tutti, non ridotti!

Dal momento in cui l’attacco è lo stesso in tutti i paesi, dobbiamo coordinarci attraverso la rete europea dei sindacati alternativi e di base per preparare una risposta comune, che può accomunare i lavoratori a livello internazionale e che si batte per un modello di società basata sui beni comuni, su servizi pubblici di qualità, su pensioni degnitose e sul lavoro stabile per tutti.

Vogliamo mostrare il nostro sostegno a tutti i popoli europei, schiacciati dalle politiche liberiste e dalle misure di austerità.

Per queste ragioni, vi facciamo l’augurio di un grande sciopero generale con l’obiettivo di costruire presto con voiun evento in Europa! Dobbiamo lavorare per COSTRUIRE UNO SCIOPERO GENERALE EUROPEO!

http://www.anarkismo.net/article/2277

3984