il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Verona. Il caso di Edward Kojo Akanor

e l’ ambasciata italiana ad Accra, fedele osservatrice delle barbare regole del capitalismo.

(27 Maggio 2012)

Perché dovremmo stupirci se la burocrazia impedisce alla figlia dell’operaio ghanese,Edward Kojo Akanor, morto a Verona lo scorso 25 aprile, di arrivare in Italia per partecipare al funerale del padre nonostante documenti e timbri in regola, solo perché «non viene considerata abbastanza ricca per scongiurare un mancato rientro in Africa» ?
E’ una delle numerose storie di razzismo e barbarie che quotidianamente gli immigrati poveri, e i poveri in generale, subiscono a causa del capitalismo e delle sue barbare regole.
La storia della vita di Edward dovrebbe stupire, una vita di sfruttamento e sacrifici per la sopravvivenza, una vita di ingiustizie e abusi che si conclude con un ultimo sopruso nei confronti della famiglia, a cui viene negato, dopo una vita di forzata separazione, l’ultimo saluto.
La giusta protesta e denuncia degli amici per il diniego alla figlia a partecipare al funerale del padre deve accompagnarsi alla protesta e alla denuncia dello sfruttamento subito da Edward in vita: un operaio che a 67 anni lavorava ancora, nonostante due infarti e un ictus, un operaio che aveva subito un grave infortunio sul lavoro senza percepire nulla dalla ditta e che a causa del suo stato di salute non era più potuto tornare nel suo Paese. Perché per i poveri, per gli sfruttati, non c’è diritto agli affetti, né da vivi né da morti.
Questo caso va collegato ai casi di separazione dei figli dai genitori poveri e in difficoltà, ad opera delle istituzioni, casi di cui abbiamo avuto ripetute denunce proprio a Verona.
Separati da vivi, separati dopo la morte.
Il Partito di Alternativa Comunista( sezione italiana della Lit-Lega Internazionale dei Lavoratori) esprime la propria vicinanza alla famiglia di Edward Kojo Akanor e mette a disposizione i propri militanti e la propria struttura per le mobilitazioni programmate in questi giorni.
Questo caso è l’ennesima prova di come sia sempre più attuale la celebre frase di Rosa Luxemburg: “o socialismo o barbarie!”

Verona, 26 maggio 2012

Ibrahima Barry- PdAC sezione di Verona
Patrizia Cammarata- PdAC Veneto

4580