il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fondo Monetario Internazionale

Fondo Monetario Internazionale

(12 Agosto 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sciopero Nazionale Autoferrotranvieri del 6 luglio: un otiimo risultato

(7 Luglio 2004)

Seconda giornata di sciopero nazionale riuscitissimo, quello di oggi 6 luglio per il contratto degli autoferrotranvieri, indetto dal Coordinamento di Lotta che racchiude il sindacalismo di base e autorganizzato.

Le prime 4 ore di sciopero erano già state effettuate il 19/5 a sostegno della piattaforma che rivendica un forte recupero salariale di 200 euro, la riduzione dell’orario di lavoro, il rifiuto dei contratti atipici e il potenziamento dei servizi pubblici.

Oggi dai depositi di Roma, Milano, Bologna, Firenze, Palermo, Cagliari, Pescara, Brescia, Cuneo, Venezia praticamente non è uscito nessuno con percentuali di sciopero dall’80% al 100% e il fermo totale dei metro e tranvie locali. Se c’è stata qualche lieve flessione questo è dovuto solo alla concomitanza dello sciopero di CGIL-CISL-UIL (con orari diversificati), che come noto hanno proclamato di botto 24 ore di sciopero sempre il 6 luglio, dopo che la Commissione di Garanzia gli aveva bocciato quello del 26 giugno.

La triplice, dopo aver ostacolato il forte movimento e firmato i bidoni di questo inverno – quattro soldi a compensazione del biennio economico 2002-2003, mai visti ancora in busta paga!! – ha presentato una piattaforma squallida (100 euro di aumento che non compensano l’inflazione galoppante, la disponibilità alla massima flessibilità, ai contratti atipici della Legge 30, alla privatizzazione del trasporto pubblico) pensando così di chiudere in fretta e di bruciare il Coordinamento di Lotta.

Non ha calcolato però l’ostacolo profuso dalle Aziende, che “sostengano vuoti di bilancio, anche di fronte ai drastici tagli operati dal governo Berlusconi”, da qui la rincorsa allo sciopero per non venir surclassati dai Cobas e da tutto il sindacalismo di base.

OTTIMO RISULTATO DUNQUE! I lavoratori sostengono la chiarezza, la concretezza e la determinazione del Coordinamento di Lotta, nonostante il rifiuto delle Aziende di riconoscere contrattualmente il Coordinamento e le azioni di contrasto poste in essere con provvedimenti disciplinari e negazione dell’agibilità sindacale di base.

Dopo le ferie, con questi risultati alle spalle, saremo in grado di fornire la spinta necessaria per guadagnare ancor più consenso e concludere finalmente un contratto vero!

Roma, 6-7-04

Cobas Autoferrotranvieri – Cobas del Lavoro Privato
CONFEDERAZIONE COBAS

5247