il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Enrico Campofreda, Diario di una primavera incompiuta

(12 Luglio 2012)

rivcampofreda

ABao AQu Edizioni

Pagine 160

Formato 12 x 17 cm

Prezzo di vendita
: euro 12,00

Se le vicende che si susseguono nell’odierno Egitto fossero la trama di un romanzo trarrebbero energie da ideali, risvolti drammatici, intrecci e intrighi che sembrano scaturire dalla mente arguta di un grande narratore.
Invece a scrivere questa storia, una storia vera, a vestire i panni dell’autore del proprio destino è un popolo antico e fiero che ora lotta per riconquistare libertà e dignità.
Lo sta facendo dal 25 gennaio 2011 sull’onda del risveglio di altre genti nordafricane
stanche di subire i soprusi di moderni tiranni camuffati da padri della Patria.
Nel popoloso Egitto la protesta pur martoriata dal sangue della repressione non si spegne.
La popolazione si è riappropriata del voto, di organismi istituzionali ma vede tuttora
incompiuta la cosiddetta rivoluzione che una parte del Paese non vuole.
Dato per spacciato da poteri tuttora fortissimi, dallo strisciante opportunismo politico, da un certo fatalismo culturale il desiderio di cambiamento continua a risbocciare. Il tempo fin qui trascorso dice che non sarà facile estirparlo.

“Campofreda, che nel chiamare “diario” il suo lavoro finisce per farsi un torto, ha invece lavorato molto proprio su questo tema. Si è cioè sforzato, oltre la pura cronaca appunto diaristica, di fornire al lettore una chiave di lettura. Chiave di lettura che passa inevitabilmente da capitali vicine a lontane dal Cairo: Washington naturalmente, Israele per forza di cose, i Paesi europei e naturalmente gli attori abilmente dissimulati che vivono nel Golfo e i cui formidabili mezzi, a cominciare da Al-Jazeera, hanno pilotato, se non la primavera, l'interpretazione che ne è stata data. È accaduto poi in Libia, accade in queste ore in Siria. Se sfugge questo nesso, se le “primavere” incompiute vengono lette come un puro fatto nazionale, il senso più vasto di quanto accaduto e accadrà – e che sarà oggetto delle riflessioni degli storici – rischierebbe di sfuggirci, relegato nell'apparato degli effetti collaterali quando, in molti casi, la presenza esterna è stata motore, vuoi del cambiamento, vuoi della reazione. Una preoccupazione – il disvelamento del quadro internazionale – che mi sembra una delle chiavi di lettura – e dei pregi fondamentali – del lavoro di Campofreda.”
Dalla prefazione di Emanuele Giordana


Enrico Campofreda è originario di Portocannone (CB) e si forma in quella particolare “Accademia” che è stata la periferia romana dove ha giocato, studiato, amato e lavorato sin da ragazzo. Dopo la laurea in Lettere Moderne presso l’Università “La Sapienza”, si specializza su competenze linguistiche e letterarie per editoria, giornalismo, comunicazione. È iscritto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio dal 1988.
Ha narrato da Roma e Milano - dove è vissuto - storie di sport e di sportivi seguendo numerose specialità in Italia e all’estero per quotidiani (Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport, Il Manifesto) e riviste specializzate.
Negli ultimi anni tratta temi di politica estera e sociale. Ha lavorato col quotidiano Terra, collabora con alcuni quotidiani online.
Ha pubblicato i romanzi L'urlo e il sorriso, Di Salvo, Napoli, 2007; Hépou moi, ABao AQu, Rosolina (Ro), 2010. Nel 2012 dà alle stampe Diario di una primavera incompiuta, Abao AQu, Padova.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Appuntamenti sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

5113