">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Madrid - Roma

Madrid - Roma

(30 Settembre 2012) Enzo Apicella
A Madrid assedio del Parlamento, a Roma assedio dei negozi Apple

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Stampa comunista: inutili i personalismi, serve un gioco di squadra
    Oggi, benché il Partito Comunista Italiano si sia sciolto nel 1991, lasciando il posto a un mosaico di piccoli partiti che si ispirano all’ideologia comunista, il bisogno di un’informazione critica e impegnata permane.
    (28 Febbraio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Sulla dichiarazione del coordinatore nazionale dell’area programmatica Lavoro e Società – Cambiare rotta CGIL

    Un punto di vista di lavoratori e dirigenti sindacali della CGIL del Veneto

    (30 Luglio 2004)

    Come dirigenti e delegati di alcune province del Veneto della appartenenti all’area di “Lavoro e Società – Cambiare rotta” esprimiamo il nostro più netto dissenso rispetto alle dichiarazioni espresse sul “Sole 24 ore” da parte del coordinatore nazionale dell’area Giampaolo Patta, in relazione alla FIOM.

    Ci sembra tanto più sbagliata la critica mossa alla Fiom di mirare solo alla "protesta", quando negli anni passati non ci si è opposti concretamente, in nome di un progetto di difesa reale dei salari e dei diritti dei lavoratori, alla politica della CGIL di Cofferati che sviluppava scioperi centellinati, di protesta d’immagine, senza una concreta piattaforma rivendicativa e reali prospettive di battere con la lotta e definitivamente il Governo Berlusconi.

    Questo adattamento alla linea di maggioranza si è espresso anche nell’accordo conclusivo del congresso di Rimini di due anni fa, quando solo una minoranza si oppose all’ordine del giorno finale "unitario" tra maggioranza confederale e area di "Lavoro e Società".

    Ma oggi, di fronte all’offensiva padronale e governativa, ha sostenuto o almeno non ha tradito lotte importanti dei lavoratori, a partire dalla fondamentale magnifica lotta di Melfi.

    Quello che sarebbe necessario è una pressione per un atteggiamento più lineare e determinato in questo senso e non il contrario. Crediamo che sia necessario aprire al più presto un ampio dibattito in tutta Italia e in Veneto in tutti i settori della sinistra CGIL - "lavoro e Società", maggioranza FIOM, etc- per determinare la linea di una battaglia politica interna che deve rifiutare ogni ipotesi di una disatstrosa riapertura della concertazione col padronato e col Governo e, allo stesso tempo, difendere l’indipendenza assoluta della confederazione nei confronti di ogni possibile futuro governo, indipendenza realizzabile, a nostro avviso, solo sulla base di un programma che difenda e rilanci concretamente i salari e allo stesso tempo i diritti.

    Prime adesioni

    Provincia di Treviso

    Casella Bruno delegato FILTEA CGIL
    Sarto Carmine CDP FILTEA CGIL
    Marotto Renato CDR FILTEA CGIL Veneto Delegato Tessiture Monti
    Montagner Michele CDR FILTEA CGIL Veneto Delegato Tint. Ziche

    Provincia di Padova

    Bortolozzo Gino CDR FILTEA CGIL Veneto
    Scuizzato Maria CDP FILTEA CGIL Delegata Superior
    Martellotti Paolo CDP FILLEA CGIL Delegato Edilit
    Vettore Marco RSA Elettroingros
    Nardiello Nicola NIDIL CGIL Padova
    Toffanello Enrico RSU Sepad

    Fonte

    • per comunicare l'adesione a questo appello scrivere a panerosepd@libero.it specificando nome, cognome, posto di lavoro, eventuali incarichi sindacali, città

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Dove va la sinistra sindacale CGIL?»

    12044