il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

F 35

F 35

(28 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Dove và la CGIL?)

Espulsioni alla piaggio: un segnale pericoloso

(1 Agosto 2004)

La vicenda dell’espulsione di massa dalla Fiom-Cgil di lavoratori della Piaggio è un pericoloso segnale che viene lanciato nei confronti di RSU e lavoratori che non si assoggettano alle imposizioni dei gruppi dirigenti dei sindacati confederali. Esperienza che nel passato ho vissuto peraltro sulla mia pelle, essendo stato a mia volta espulso dalla Cgil nel lontano 1981 per essermi opposto, insieme a tanti altri lavoratori, alla volontà di "normalizzazione" della Videocolor, fabbrica di cui sono ancora dipendente, portata avanti dalla Fillea-Cgil di allora, che non si accontentò dell'espulsione dall'organizzazione sindacale, ma concordò con l'azienda le liste di Cigs e poi i licenziamenti che colpirono duramente i lavoratori ed i delegati sindacali più combattivi, rientrati poi in azienda a colpi di sentenze della magistratura.

Oggi, nell'apprendere quanto accaduto alla Piaggio, non posso che esprimere la piena solidarietà a questi lavoratori, la cui unica colpa è quella di non assecondare scelte sindacali che ritengono sbagliate, opinione peraltro condivisa da ampi settori di lavoratori e lavoratrici.

E' un segnale ancora più pericoloso in quanto proviene da un'azienda in cui la flessibilità selvaggia e la repressione padronale sono all’ordine del giorno ed in un contesto sindacale e politico in cui, per opporsi allo strapotere di governo e padroni, di tutto ci sarebbe bisogno meno che dell'indebolimento dei settori più combattivi del mondo del lavoro.

Queste espulsioni sono un insperato regalo alla parte più retriva del padronato italiano, a quella Federmeccanica che negli ultimi anni è stata costretta a subire colpi pesantissimi inferti dalle lotte dei lavoratori, quella stessa Federmeccanica che è stata la punta di diamante del tentativo di distruggere nelle fabbriche il sindacato conflittuale e che oggi con Montezemolo, presidente di Confindustria e del gruppo Fiat, rilancia la neoconcertazione, un modello di relazioni tra le parti sociali nefasto per i lavoratori e che per essere attivato deve espungere il conflitto dai luoghi di lavoro. L'espulsione di questi lavoratori va in questa direzione.

Anagni, 30 luglio 2004

Paolo Sabatini (coordinatore nazionale SinCobas)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove và la CGIL?»

Ultime notizie dell'autore «Sincobas»

9275