il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Italy position

Italy position

(25 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Mario Monti incontra Benyamin Netanyahu all'hotel King David di Gerusalemme ed afferma: la sicurezza di Israele è la nostra sicurezza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • PICCOLA RUMINAZIONE IN LODE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI CHE IN QUESTI GIORNI...
    (UN DISCORSO FATTO A VITERBO NELL'ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ALFIO PANNEGA)
    (21 Settembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Stato e istituzioni)

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    MONTI BIS
    Un'agenda al Quirinale

    (5 Ottobre 2012)

    Potrebbe essere un bis mai visto. Un caso illogico di ripetizione dell'inedito. Il Monti 2 non si sistemerebbe più a palazzo Chigi, ma al Quirinale. E da lì confermerebbe tutte le politiche rigoriste per dare all'Europa e ai mercati ogni rassicurazione richiesta. La continuità insomma, con altri mezzi e da un altro palazzo. Il trasloco del professore consentirebbe di giocare alle elezioni, liberando la sedia per il vincitore. Non l'agenda. Quella sarebbe garantita dal nuovo presidente della Repubblica, erede designato di re Giorgio. Nominato per completarne l'opera. L'eterna transizione italiana ha inventato e reinventato una Costituzione materiale sempre più lontana da quella formale, ma un presidente della Repubblica con un programma politico, l'«agenda Monti», non lo avevamo mai visto. Ci sono stati e ci sono presidenti interventisti, picconatori e registi di governi di salute pubblica; presidenti eletti con un mandato ancora no. Non è una distinzione di poco conto, come non fu di poco conto consentire l'indicazione del presidente del Consiglio sulla scheda elettorale. Tutto il resto è venuto a cascata, compreso il fatto che adesso è una bestemmia far notare che sono le camere a dare la fiducia al governo, e non viceversa. Mentre si può sostenere che i governi non devono farsi vincolare dai parlamenti. Lo ha fatto in una famosa intervista tedesca proprio Mario Monti.
    Far scendere la nomina del supremo garante della Repubblica nel campo della politica di fazione può rivelarsi il lascito più velenoso dell'esperienza «tecnica». Monti si avvia ad essere il personaggio centrale della prossima campagna elettorale, per accomodarsi poi indifferentemente al governo o al Quirinale a seconda dell'esito. Spostarlo nella casella più in alto potrebbe essere la soluzione perfetta, secondo i geniali strateghi del centrosinistra che si immaginano a palazzo CHigi, o da quelle parti. Avremmo così una coabitazione fuori da ogni regola costituzionale. Un primo ministro sotto tutela. Un presidenzialismo respinto negli atti parlamentari e abbracciato nella pratica. E un presidente della Repubblica che per la Carta è politicamente irresponsabile ma sarà invitato a Porta a Porta.
    Non è stato certo per caso se in sessant'anni nessun presidente del Consiglio è mai stato promosso direttamente al Quirinale. Per meritarsi l'alto incarico di garanzia i candidati hanno sempre dovuto mostrare un profilo da mediatori. Essere un «cavallo di razza», una figura politica con un'agenda e una personalità polarizzante, è sempre stato considerato un ostacolo. La regola è valsa anche per Napolitano, almeno all'atto dell'elezione (fu preferito a D'Alema). Erano rituali di una vecchia repubblica? Può darsi. Ma mollare una cosuccia come la separazione dei poteri per passare quatti quatti dal premierato di fatto al presidenzialismo non dichiarato sarebbe il peggiore incubo postmoderno.

    Andrea Fabozzi - Il Manifesto

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Il governo Monti - Napolitano»

    Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

    6138