il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Pellicano Malinconico

Pellicano Malinconico

(11 Gennaio 2012) Enzo Apicella
Il sottosegretario con delega all'editoria Malinconico si dimette dopo la scoperta delle vacanze all'hotel Pellicano pagate dalla cricca del G8

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Contestati gli Stati generali della cultura. E tutti i ministri

(15 Novembre 2012)

ornaghicontest15nov

Sono stati fischiati e contestati tutti i ministri agli Stati Generali della Cultura di Roma, organizzati da Il Sole 24 Ore, l’Accademia Nazionale dei Lincei e l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani: il parterre governativo era riunito, presso il teatro Eliseo, per una sfilata di intenti e buoni propositi. Per Lorenzo Ornaghi, mentre sosteneva la collaborazione con i privati: “Lei parla come un economista, perché non parla come un ministro della cultura? Non ne possiamo più di parole, siamo allarmati”. Piccato, ha risposto di preferire i fatti alle chiacchiere (però stava “chiacchierando”, appunto) e ha incalzato dicendo che se le risorse sono diminuite è necessario farne buon uso. Le critiche non sembrano toccarlo: Ornaghi è convinto che i tecnici abbiano fatto “già molto”. Dopo di lui, i fischi sono toccati al ministro Fabrizio Barca e a Francesco Profumo: “Ieri sono stati picchiati adolescenti e nessun ministro ha detto niente!’’, è intervenuto qualcuno dalla platea (in realtà, è stata delegata la ministra Cancellieri a rappresentare la posizione del governo e ha fatto quelle meravigliose affermazioni che sappiamo e che ci riempiono di vergogna). Poi, mentre Profumo discettava sull’urgenza di dare più certezze alla formazione e alla ricerca, si è levato un grido: ‘Voglio sapere del mio presente! Sono preoccupata ora, signor ministro; voi date soldi alla scuola privata!”. Profumo aveva tentato di ammansire la platea contestatrice con la richiesta di più fondi per università e scuola: “Basta con lo stop and go delle risorse. L’innaffiatoio non può essere aperto e chiuso: il finanziamento deve avere continuità”. Ma precari, lavoratori e lavoratrici della cultura conoscono bene l’argomento trattato. E non vogliono più essere ipnotizzati.

Arianna Di Genova - ilmanifesto.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il governo Monti - Napolitano»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

8301