il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Venerdì 30 sciopero generale di tutte le categorie

Giovedì 29 sciopero trasporto pubblico locale

(28 Novembre 2012)

Il potere si regge sull’incompetenza e l’eccessiva ingenuità dei "sudditi", tante persone accettano come vere le panzane dei “Bankster”, governi e capitalisti sulle cause della crisi.
Nessuno verifica la veridicità dei fatti, tutti ripetono notizie ben confezionate, affinché ripetitori acefali le trasformino in luoghi comuni; in idee che nessuno mette in discussione perché assorbite come verità incrollabili.

La “bibbia” comune è che ci siamo indebitati per avere il diritto alla salute, all'istruzione, alla pensione. Questa è un’idea talmente radicata che quasi nessuno osa contestare le politiche di lacrime e sangue che c’impongono.
Una ricostruzione effettuata dal "Centro Nuovo Modello di Sviluppo” (www.cnms.it) dimostra che l'assunto alla base di questa vulgata è falso.

In questi anni è aumentata vertiginosamente la ricchezza in mano ai più ricchi mentre lavoratori e pensionati vengono tartassati dalle politiche dei governi.
I 110 Italiani più ricchi possiedono quanto i tre milioni più poveri. In generale la ricchezza è distribuita nel 1% - 5% che detiene il 90% della ricchezza del mondo.
Il che fa dire al miliardario Usa Warren Buffett, terzo uomo più ricco del mondo, " da ventanni è in corso una guerra di classe e la mia classe sta vincendo".

Siamo dei polli che vengono sistematicamente spennati da Bankster e governi per conto dei capitalisti. Una follia possibile perché i ceti popolari hanno perso le organizzazioni che li tutelavano (sindacati tradizionali e partiti) e che da un trentennio non lo fanno più.

Ma non tutti i lavoratori sono disposti a subire passivamente e in numero crescente sono impegnati alla costruzione di un sindacato di base (Cub) unico strumento di organizzazione e di lotta per chi non è più disposto a farsi spennare.

NON MANCARE ALLO SCIOPERO E ALLA MANIFESTAZIONE DEL 30 NOVEMBRE.

C O N T R O
bankster, governo, capitale che ci riducono in miseria
P E R
il diritto al lavoro, al welfare, alla salute, allo studio, alla casa, ad un trasporto pubblico e sociale contro privatizzazioni e smantellamenti del servizio, a salari e pensioni adeguati al costo della vita
30 novembre ore 9,00 manifestazione a Milano da L.go Cairoli

CUB - Confederazione Unitaria di Base

3997