il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Birmania. Polizia con i cannoni ad acqua contro i manifestanti

(29 Novembre 2012)

Giovedì 29 Novembre 2012 07:17

Con un blitz in cui ha sparato cannoni d'acqua e gas lacrimogeni, la scorsa notte la polizia birmana ha disperso una protesta contro una miniera di rame nel centro-nord causando decine di feriti tra i dimostranti, ed evidenziando i limiti della libertà di manifestazione recentemente introdotta nel Paese.
Gli agenti in tenuta anti-sommossa sono intervenuti alle 3 di notte sul sito dove dovrebbe sorgere la miniera di Monywa, un progetto birmano-cinese già esistente nella regione di Sagaing ma di cui ora è programmata un'espansione di ulteriori 3.200 ettari, che ha già provocato lo sfratto - in molti casi senza risarcimento - dei residenti dei villaggi coinvolti.
Le foto diffuse da alcuni media birmani mostrano il divampare di fiamme sul luogo della protesta, secondo diverse testimonianze in seguito a ordigni lanciati dalle forze dell'ordine. Secondo Shin Oattama, uno dei monaci che ha assistito gli abitanti, il blitz ha causato il ferimento di 10 monaci, di cui tre in modo grave. Myo Thant, un attivista studentesco delle proteste contro il regime nel 1988, 22 monaci sarebbero stati ricoverati per ustioni.

La protesta contro la miniera - realizzata dall'esercito birmano e da un'azienda cinese - durava pacificamente da tre mesi, e dal 18 novembre i lavori sul sito erano stati bloccati. Ma negli ultimi giorni le autorità avevano fatto capire che la loro pazienza stava per esaurirsi; martedì, ai dimostranti era stato comunicato che se entro 24 ore non avessero sciolto il loro presidio, le forze dell'ordine sarebbero intervenute.
La leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi è in arrivo oggi nella zona, per ascoltare le lagnanze dei dimostranti, in una visita programmata prima del blitz della scorsa notte.
Nel paese il risentimento verso la penetrazione economica cinese è molto diffuso. Un anno fa - il presidente Thein Sein - che con le sue riforme sta cercando di attirare investimenti occidentali per smarcarsi da Pechino - a sorpresa ordinò la sospensione della costruzione della diga di Myitsone, un enorme progetto cinese nel nord del Paese che aveva provocato una forte opposizione tra la popolazione.

Contropiano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

4526