il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Il nuovo che torna

Il nuovo che torna

(30 Agosto 2010) Enzo Apicella
Il segretario del PD Bersani propone un "nuovo Ulivo".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Pagliacci Democratici

La farsa delle primarie e gli anarchici

(11 Dicembre 2012)

Meritava seguire le primarie del PD-SEL, una formula parziale e zoppa del centrosinistra. Mancava infatti il discolo sbirro e magistrato Di Pietro con i suoi seguaci, alquanto dispersi negli ultimi tempi dopo un periodo di splendore durante i referendum. Occorre infatti capire come ha funzionato la trappola del consenso. E comprendere come molti, anche gente che si conosceva e si presentava su posizioni più critiche, ci siano cascati.
Non dimentichiamo che, comunque, ci sono andati un milione in meno che nel 2005. Però l'idea che tre milioni e più (notevolmente di meno al secondo turno) di persone adulte e pensanti abbiano partecipato alla rappresentazione spettacolare ci fa intendere come il potere democratico (finto!) riesca a imporre le proprie scadenze e i propri riti. I mezzi di informazione di massa hanno invaso le case di 6-7 milioni di cittadini/e catalizzando l’attenzione collettiva su un evento assai meno pericoloso per lo Stato che le questioni accese dell’Ilva di Taranto o dagli imminenti aumenti dei balzelli sanitari. E questo esempio della cattura di un consenso di massa credo che debba interessare anche gli/le anarchici/che che per quanto astensionisti in campo elettorale non lo sono, evidentemente, in quello sociale e politico in senso lato.
La scelta tra candidati lievemente diversi, che spesso si sono rifatti esplicitamente a personaggi clericali (da papa Giovanni al cardinale Martini con una fantasia davvero…incredibile), è apparsa a molti come una possibilità concreta di farsi sentire col voto nel mondo della politica. Ciò ha permesso agli apparati (PD+SEL) di verificare la propria capacità di controllare, e addirittura di entusiasmare, una notevole base popolare. E' evidente che le primarie sono pure una risposta alla concorrenza, molto teatrale anch'essa, che Grillo e i suoi esercitano sui delusi dalla politica tradizionale.
Per il potere governativo del sedicente tecnico Monti, che il PD ha appoggiato al di là di minuscole e innocue critiche sulle scelte più antipopolari, è stato un ulteriore passo avanti sulla strada del probabile rinnovo del mandato assegnatogli dal vecchio marpione ex comunista Napolitano. Al falso tecnocrate della Bocconi tutti i politici più importanti, o quasi, hanno delegato il compito di realizzare quanto avevano deciso a livello di restrizione degli spazi di agibilità politica, di sviluppo degli affari e dei profitti (vedi il business del TAV), di eliminazione sostanziale dei diritti dei lavoratori conquistati nei decenni precedenti. Insomma di restaurazione con la scusa del “lo ha imposto l’Europa”.
Tra i cinque c'erano: un "usato sicuro" (espressione centrata?) generato dall'apparato PCI-PDS-PD come il maturo Bersani, un innovatore pragmatico e giovanile come il gagliardo Renzi, un gay semi alternativo come l’attore Vendola , una donna-sindaco di periferia dalle buone intenzioni come la seria Puppato, un cattolico quasi progressista come l’umorista Tabacci. Insomma si è offerto un ventaglio di possibilità per farsi guidare da un leader accettabile e, a vario livello, già collaudato. Sappiamo bene cosa voglia dire questa illusione. A suo tempo con Prodi, poi con Veltroni, ora con Bersani. Per fermarsi a tempi a noi vicini.
Tutto ciò mostra come la presa di coscienza libertaria e autogestionaria alla quale miriamo abbia ancora molta strada da fare per farsi capire da una fetta non minuscola della popolazione oppressa. In un certo senso, non è una novità, ma una conferma. Su cui non è inutile riflettere.

Claudio Venza

Claudio Venza - Umanità Nova (n. 38 anno 92)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dove va il centrosinistra?»

Ultime notizie dell'autore «Umanità Nova»

5885