il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Favoloso F35

Favoloso F35

(13 Dicembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Né rivoluzione, né civile
Che cosa non funziona nella lista Ingroia

(5 Gennaio 2013)

Che a seguito della nascita di uno spazio politico a sinistra della coalizione Pd-Sel (fatto nuovo, indubbiamente) si renda necessario il suo rafforzamento con il contributo dei movimenti di nuova democrazia dal basso (come afferma giustamente Lucarelli) è fuori di discussione, ma proprio nel movimento di scopo "Cambiare si può", negli ultimi due mesi, si sono verificate situazioni di fatto che rendono particolarmente difficile la realizzazione di questo auspicio molto condiviso.
L'avvio delle iniziative di "Cambiare si può" nei giorni successivi all'annuncio delle elezioni anticipate si è caratterizzato per un'inedita ed entusiasmante mobilitazione di migliaia di militanti, intellettuali e semplici cittadini. Questi, affluendo molto numerosi alle assemblee di territorio, hanno sperimentato i caratteri di una partecipazione popolare nuova. Tale mobilitazione era volta, nonostante la ristrettezza dei tempi, all'elaborazione di nuove proposte contenutistiche e metodologiche per la partecipazione alle politiche del prossimo febbraio 2013, e i principi basilari emersi da questa rinnovata presenza dei cittadini nelle cose politiche erano mirati alla formazione di liste provenienti dai territori, formate da persone della società civile scelte direttamente dai cittadini secondo nuovi metodi partecipativi e condivisi.
Mentre nei territori dell'intera penisola si svolgevano assemblee (peraltro, in alcuni casi caratterizzate da forti dissensi, ma è cosa normale), a livello nazionale si percorrevano altre strade molto simili a quelle della vecchia politica, fatte di accordi di vertice. Vero è che il movimento non nasce perfetto ed è migliorabile, ma qui sembrano messi in discussione gli stessi presupposti di un'autentica "rivoluzione civile" poiché si parte da un passo inaccettabile per le caratteristiche del movimento che ne è la base: la candidatura d'ufficio (non rileva se a capolista o al n. 2) dei segretari di partiti che con questo movimento non hanno e non hanno avuto proprio niente da spartire. Se nelle assemblee dei territori (prima di ALBA, poi di "Cambiare si può") in precedenza si sono pur visti esponenti di questi partiti è stato solo per l'interesse elettoralistico (da "riciclo") che le assemblee suscitavano in loro.
Un altro aspetto, conseguente, ma non irrilevante, peraltro contraddittorio, è che dopo la vittoria dei sì (mi spiace, ma non è stata una grande vittoria: la democrazia sostanziale ha una rilevanza e a questo referendum ha partecipato circa la metà dei firmatari dell'appello) e la conseguente fuoriuscita (logica e inevitabile) dei tre garanti (Pepino, Revelli, Sasso), nessuno ha ripreso fra i vincitori del sì l'impegno di garantire la presenza di "Cambiare si può" al tavolo di Ingroia. Per quanto molti dei votanti "no" abbiano dichiarato comunque la loro disponibilità a ripartire dalle assemblee anche se in maniera critica. Dunque, siamo senza referenti nazionali, sicché come far prevalere la voce delle assemblee? Come garantire al tavolo di Ingroia «i punti programmatici di - cito Lucarelli - Cambiare si può che hanno ben indicato la strada da seguire»?
In realtà sarebbe possibile battersi perché almeno dai territori arrivino, attraverso le assemblee, nuove candidature secondo nuovi metodi di democrazia partecipativa, ma l'assenza di ogni punto di riferimento organizzativo, purtroppo, fa pensare che nei territori arriverà l'influenza inevitabile dei capi e i candidati verranno scelti, come sempre, secondo logiche che non stanno né in una rivoluzione, né nell'impegno civile come vorrebbe lo slogan di Ingroia. Siamo purtroppo a un empasse particolarmente grave e vedo allontanarsi la possibilità che questa lista migliori anziché peggiorare il rapporto con la società civile, i movimenti e le lotte.

Carlo Di Marco, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni 2013»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

4221