il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Britannia

Britannia

(11 Agosto 2011) Enzo Apicella
La Gran Bretagna cambia le regole del gioco: l'esercito contro la rivolta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Crescono le proteste e la rabbia in Slovenia

(11 Febbraio 2013)

alcowe

Se qualche mese fa la radicalità delle piazze in Slovenia veniva accolta dai più con alquanto stupore, dall'inizio del 2013 in poi si può affermare che i moti di protesta anti-austerity e contro la corruzione portati avanti da sempre più persone sono diventati la norma in questo piccolo paese dell'ex-Yugoslavia. L'alternarsi di scioperi settoriali e generali e le puntuali proteste di massa, quasi tutte concentrate nei fine settimana, sta mettendo in crisi l'attuale governo che, a dispetto degli evidenti smottamenti interni (due giovani parlamentari hanno abbandonato la coalizione nell'ultima settimana) ha ribadito di non essere assolutamente intenzionato a cedere.

Venerdì 8 febbraio si sono concentrate a Lubiana oltre 20 mila persone, il numero più alto di manifestanti anti-austerity da Novembre a questa parte. I primi momenti di piazza sono stati caratterizzati subito dal tentativo della piazza di disturbare la provocatoria piazza filogovernativa lanciata davanti al Parlamento. I manifestanti anti- austerity han provato a divelgere a più riprese le transenne che delimitano oramai costantemente la zona attorno al parlamento, nel tentativo di venire a contatto con la piazza filo-governativa. L'intervento della polizia slovena non si è fatto attendere; al fitto lancio di gas lacrimogeni, i più giovani in piazza hanno risposto con sassaiole, lanci di bottiglie e pali di legno. I manifestanti non sono riusciti nell'intento di sfondare i dispositivi della polizia e giungere al Parlamento. Ancora una volta l'eterogenea piazza slovena ha mostrato di alternare momenti comunicativi larghi ad altri di maggiore radicalità, riscrivendo la storia di un paese caratterizzato fin qui da una forte stabilità sociale.

Ma è evidente quanto il dissapore verso la corruzione governativa, i primi effetti dei tagli, e un tasso di disoccupazione schizzato incredibilmente dal 2 al 17% in un anno circa abbiano acuito la tensione sociale in tutta la regione. La preoccupazione fondamentale del movimento anti-austerity appena nato è in Slovenia è quella di porre freno all'eventualità che i governi,su indicazione della BCE, perpetrino ancor di più politiche di macelleria sociale,come già in atto in altri paesi della zona mediterranea; di fatto si profila sempre più la supposta necessità di un “aiuto” finanziario della Troika, con i suoi spiacevoli effetti collaterali, e gli Sloveni non paiono minimamente intenzionati a voler sottostare ai diktat della finanza internazionale appoggiati dalle cupole locali.

Infoaut

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Infoaut»

4036