il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dondolo

Dondolo

(15 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Il governo Berlusconi ottiene la fiducia alla camera per soli 3 voti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

I due marò: manipolazione del linguaggio e menzogne

(18 Marzo 2013)

Come si fa a giustificare il mancato rientro dei due marò in India? Semplice. Si incaricano le agenzie di stampa di cambiare la ragione della loto presenza a bordo di una petroliera privata.

maromanipol

Potrebbe in teoria trattarsi anche di un'iniziativa individuale del "redattore" della TmNews (probabilmente un precario padato due lire), ma ci sembra piuttosto difficile. Il tema dei "due marò" sta sollevando una tempesta diplomatica tra l'Italia e l'India, e nelle redazioni delle agenzie di stampa si sta molto attenti a come si scrive su questo tema.
La logica che interviene è infatti quella "di guerra", secondo cui "noi abbiamo ragione" e il nemico ha torto. Per principio.
Leggiamo dunque cosa ha scritto stamattina all'alba la TmNews per dare notizia della revoca dell'immunità diplomatica al povero ambasciatore che aveva trattato per la concessione della licenza "elettorale" ai due soldati.
E che vengono definti "i due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati di aver ucciso due pescatori indiani durante un'operazione antiterrorismo".
Operazione antiterrorismo? Ma se facevano parte, insieme ad altri quattro commilitoni, di un gruppo "affittato" dallo Stato italiano a una compagnia prvata come scorta su una petroliera!
Insomma, nulla di "istituzionale", ma addirittura qualcosa di poco rispondente alle funzioni tipiche di militari e più confacente a dei contractors privati. Non era stata una loro scelta, ovviamente, ma erano stati mandati sulla petroliera Lexie dai propri superiori, in obbedienza a un contratto firmato - presumibilmente - dal ministero della Difesa.
Nel corso del "servizio" hanno ucciso due pescatori indiani del Kerala scambiandoli per "pirati". Le zone in cui è segnalata la presenza di pirati è però al largo delle coste della Somalia, alcune migliaia di chilometri più a ovest. Oppure tra Indonesia, Malesia, ecc; alcune migliaia di chilometri a est. Ma al largo del Kerala nemmeno un caso di pirateria.
Un banale errore, dunque, che è costato la vita a due innocenti.
Ma perché definire "missione antiterrorismo" lo scopo per cui erano sulla petroliera? Perché, giornalisticamente, li si investe di un ruolo tipicamente "istituzionale", anzi, "meritorio". E poi, se dei soldati sono "in missione antiterrorismo" si giustifica molto meglio lo stato di tensione che dovrebbe aver giustificato l'apertura del fuoco contro civili disarmati. Così da rendere inspiegabile - per il disinformato lettore italiano - la ragione dell'insistenza indiana nel "processarli".
Ricordiamo, infine, che le agenzie di stampa forniscono il "precotto" ai quotidiani e alle televisioni. Che in genere, su notizie di questo tipo (riguardanti interessi diplomatici dell'Italia per fatti avvenuti dall'altra parte del mondo), difficilmente si mettono ad approfondire cercando fonti alternative o adando sul posto. La "missione antiterrorismo", in questo modo, diventa una menzogna "semi-ufficiale" che viene ripetuta da quasi tutti.
Disinformazione di guerra in tempi di pace e su una questione in fondo marginale. Pensate cosa deve avvenire quando si tratta di temi davvero "caldi" e controversi...

Redazione Contropiano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Italiani brava gente?»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

8307